Uno scrigno di biodiversità

Uno scrigno di biodiversità

Un Centro per la tutela e la promozione dell’area umida.

Il Padule di Fucecchio, se pur ampiamente ridotto rispetto all’antico lago-padule che un tempo occupava gran parte della Valdinievole meridionale, è tuttora la più grande palude interna italiana, con circa 1800 ettari fra le province di Pistoia e Firenze.

Nonostante le varie problematiche ambientali e l’introduzione di specie alloctone, che negli ultimi anni ne stanno mettendo a rischio gli equilibri ecologici, il Padule rappresenta un vero e proprio scrigno di biodiversità per la flora e la fauna.

Situato al limite tra la regione peninsulare di clima mediterraneo e quella continentale, il Padule ospita piante adattate a climi diversi: nella Paduletta di Ramone sopravvivono ad esempio il Morso di rana e la Felce reale, piante di clima caldo umido, e gli sfagni, particolari muschi più propri di climi freddi del nord e discesi fin qui durante le ultime glaciazioni.

Questo ambiente ha anche un ruolo fondamentale nelle rotte migratorie fra la costa tirrenica e l’interno; un vero e proprio paradiso per gli amanti del birdwatching, che nel corso dell’anno possono osservare oltre 250 specie di uccelli. Di particolare rilievo gli aironi che costruiscono la garzaia (colonia di nidificazione) più importante dell’Italia centro-meridionale.

Per queste caratteristiche, il Padule è Sito di Interesse Comunitario, Zona di Protezione Speciale per l’avifauna ed area umida di interesse internazionale ai sensi della Convenzione di Ramsar; una parte (circa 230 ettari) è tutelata da Riserve Naturali provinciali.

Qui opera da oltre vent’anni il Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio, associazione Onlus che ha lo scopo di promuovere la conservazione e la valorizzazione delle qualità storiche, ambientali e naturalistiche del Padule e degli ambienti vicini.

Con sede presso il nuovo Centro Visite di Castelmartini, struttura ecosostenibile di recente costruzione situata lungo la via di accesso alla Riserva Naturale, partecipa alla gestione dell’area protetta e ne organizza la fruizione, con attività di educazione e divulgazione rivolte a tutte le fasce di età.

Grazie al personale, alle Guide Ambientali e ad un nutrito gruppo di volontari, il Centro offre un servizio qualificato alle scuole ed ai turisti italiani e stranieri che visitano sempre più numerosi il Padule, costituendo un punto di riferimento per la promozione di questo patrimonio della comunità e di tutto il territorio.

Info Centro RDP Padule di Fucecchio

Tel. +39 0573 84540

fucecchio@zoneumidetoscane.it

www.paduledifucecchio.eu

TESTO

Enrico Zarri

More from Discover Pistoia

Note per vivere meglio

La Fondazione Pistoiese Promusica, nata nel 2004 come ente strumentale della Fondazione...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *