Conad, economia e valori per il territorio

Incontriamo per una intervista il Dott. Ugo Baldi, Amministratore Delegato di CONAD del Tirreno, una delle più importanti aziende presenti sul nostro territorio.

D – Conad del Tirreno rappresenta certamente una delle eccellenze presenti sul nostro territorio. I numeri dell’azienda sono importantissimi.  Una storia fatta di lavoro, crescita continua e tanti successi che merita di essere raccontata……

R – Conad del Tirreno, 213 soci imprenditori, di cui 122 in Toscana, nel 2017 ha sviluppato un fatturato di 2,49 miliardi di euro, con 342 punti di vendita, 10.000 occupati di sistema e oltre 3 mil di € investiti in iniziative di responsabilità sociale in ambito solidale, sportivo e di valorizzazione delle eccellenze culturali e della tradizione. Numeri importantissimi per un’azienda legata al territorio e alla comunità e che a Pistoia e provincia è presente con 26 soci imprenditori e 21 punti vendita, che nel 2017 hanno sviluppato un fatturato di oltre 130 milioni di euro. Conad del Tirreno ha la sua sede legale in città fin dagli anni ‘60 ed insieme ai soci occupa a Pistoia e provincia, complessivamente, un migliaio di persone; solo nel 2017 sono stati investiti sul territorio circa 645 mila € in attività di solidarietà e responsabilità sociale. Il radicamento di Conad nell’area è forte ed il presidio del territorio resta d’importanza strategica, come dimostra lo stretto rapporto con i tanti piccoli e medi produttori locali con l’obiettivo di valorizzare gli eccellenti prodotti del territorio.  Una storia fatta di lavoro, crescita continua e tanti successi. 

Il Dott. Ugo Baldi – Amministratore Delegato di Conad del Tirreno – davanti alla sede di Pistoia (Foto di N. Begliomini)

D – Il forte legame con Pistoia si evidenzia anche con l’attenzione che Conad mette in campo per la tutela del patrimonio artistico e culturale della città, culminata nell’anno di Pistoia Capitale della Cultura, con l’indispensabile contributo fornito per il restauro della Chiesa di San Leone e della Visitazione di Luca della Robbia. Certamente l’iniziativa più importante dello scorso anno –  che lega in maniera indissolubile la vostra Azienda con la città – e che ha contribuito alla valorizzazione, alla crescita ed al successo di Pistoia in Italia e nel Mondo ….

R – Abbiamo accolto la proposta della Curia Vescovile e della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia facendo nostra la valenza religiosa, artistica e culturale attribuita all’iniziativa. Con orgoglio abbiamo sostenuto un intervento di recupero e restauro di una delle opere più importanti del patrimonio artistico della nostra città, capitale della cultura per il 2017. E’ il nostro modo di dare attenzione e di essere vicini alla comunità pistoiese dalla quale riceviamo quotidianamente fiducia e apprezzamento. Economia e sociale sono chiamati a una nuova sintonia per poter favorire uno sviluppo che crei valore e si leghi alle comunità in cui tale valore è generato. Per noi essere una grande azienda, radicata nel territorio in cui opera quotidianamente con i propri soci, non è solo una questione economica; è la capacità di condividere i valori delle nostre stesse comunità, vestendone i panni e contribuendo a dare risposta a bisogni che sono la loro quotidianità, la loro tradizione, i loro usi. Una sensibilità che fornisce risposte ai bisogni della comunità attenta anche ad un bene irrinunciabile: la cultura.

La Visitazione (Foto di L.Marianeschi)

D –  Sulla positiva scia creata da Pistoia Capitale della Cultura 2017, si è alzato unanime un invito a proseguire sulla strada della valorizzazione e della promozione della nostra città. Quali sono i progetti dell’azienda per il futuro?

R – Si, esatto. Abbiamo tenuto fede al nostro impegno, confermando il sostegno alla conclusione dei lavori di restauro della Chiesa di San Leone, affinché possa tornare ad essere luogo di incontro per i cittadini. Il nostro concetto di sostenibilità è fare bene il nostro mestiere, crescere e creare valore da condividere con le comunità in cui operiamo. Aver reso accessibile “da vicino” un’opera quale la Visitazione di Luca della Robbia, opera integrante dell’identità nazionale, e aver restituito la Chiesa di San Leone alla città e ai cittadini, ha il valore e lo scopo di contribuire alla crescita culturale e economica del territorio pistoiese. Queste due iniziative danno forza ai nostri valori, al nostro essere comunità in seno alla comunità pistoiese. Diamo risposte concrete ai bisogni quotidiani dei cittadini, in termini di servizio, qualità e convenienza e di valorizzazione delle eccellenze e delle tradizioni che di questo territorio sono parte integrante e di cui siamo portavoci con i nostri soci e i nostri punti di vendita.

 

Il Giardino di Cino, in Piazzetta Sant’Atto e Vicolo de’Bacchettoni a Pistoia

Ci siamo resi partecipi di altre iniziative durante l’anno: parlo dell’importante   collaborazione tra pubblico e privato nella cura e gestione condivisa di un bene comune rappresentata dal progetto di rigenerazione urbana per ridare nuova vita a Piazzetta Sant’Atto e Vicolo dei Bacchettoni ospitando interventi artistici, site-specific, incontri, laboratori per e con la cittadinanza. Una nuova piazza in città e per la città. Uno spazio vivo, comune, partecipato, per promuovere e diffondere arte, idee, creatività che ha preso il nome di “Giardino di Cino” .

 

 E ancora, ultima solo in ordine di tempo, la nuova illuminazione della Cupola della Basilica della Madonna dell’Umiltà, opera del Vasari: non solo una delle più importanti in Italia, e non solamente il tratto distintivo della skyline pistoiese, ma la rappresentazione ideale di un ombrello sotto al quale si snodano i percorsi di tutti e si evolve la storia della nostra città. Grazie all’impegno di tutti la Cupola è di nuovo luminosa, come un punto di riferimento importante per cittadini, turisti e per chiunque voglia ispirarsi guardando il cielo. Negli ultimi anni abbiamo lavorato in modo speciale per rafforzare la nostra identità, la distintività e l’efficienza del nostro percorso di crescita. Un impegno costante ad essere persone oltre le cose, nelle comunità dove viviamo ed operiamo.

 

 

 

More from Discover Pistoia

Dialogare nel nome dell’arte

Con il titolo “Marino Marini. Passioni visive” la Fondazione Marino Marini propone...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *