La Campagna dentro le Mura

Buggiano

E siste una domanda di natura o meglio il desiderio di conoscere luoghi in cui il tempo si dilata ed è legato al tic tac delle componenti naturali?

La sensazione che ne ricaviamo, leggendo la cronaca quotidiana o gli articoli di commento sulla società odierna, è che questa tendenza sia diffusa, e, pur con le diverse chiavi di lettura che gli possiamo riconoscere, il borgo di crinale circondato da un paesaggio vivo e vitale senz’altro è l’ideale proscenio dove trovare risposte ed esempi concreti.

Buggiano, borgo medievale, è anche un paesaggio agrario storico, in cui la “campagna” è talmente entrata dentro le resedi private, che queste si sono trasformate o in terre dove si coltiva l’olivo assieme all’orto e ai frutti, o nel luogo ideale dove disporre collezioni botaniche capitanate dalla tradizione. Nasce da questa radice la manifestazione biennale ‘La Campagna dentro le mura’ che si svolgerà domenica 30 aprile e 7 maggio e che prevede l’apertura di 18 giardini e orti privati del borgo.

Nei giardini di Buggiano troviamo ricche collezioni di agrumi di colore giallo (limoni, pompelmi, cedri) e di colore arancio (aranci dolci e amari, mandarini e clementini, mandarini cinesi) o verde (bergamotto). A queste, nel tempo, si sono affiancate specie e varietà che hanno attraversato il gusto e la sensibilità nel comporre lo spazio giardino: cosicché troviamo lillà, calicanti, azalee e camelie, palme e arbusti da fiore della macchia mediterranea, come piante aromatiche e rare rampicanti (esempio la bignonia unguis cati), accanto ai tradizionali glicini e rose banksie.

I proprietari hanno continuato nel tempo a tessere giardini ornamentali, il cui gusto è squisitamente segreto, nobile d’intenti ma legato all’uso familiare di questi spazi. Colpisce che non c’è cesura in questi spazi segreti, bensì, ed è quello che impressiona, sono luoghi in cui il senso di ospitalità si mescola alla cultura paesana e alla cultura di giardineria: qui i forestieri, se in pace, sono ben accetti nella propria corte privata; qui si trova l’occasione buona per discutere assieme sul buono stato di conservazione delle collezioni, magari per operare uno scambio di semi e di talee; senz’altro, il luogo diventa desco per un assaggio dei frutti che si ricavano dagli stessi giardini. Una visita a Buggiano Castello durante ‘La Campagna dentro le Mura’ è l’occasione per riassaporare un mix di cultura contadina e di gardening amatoriale, uniti dalla stessa radice manuale, lo sporcarsi di terra le mani e lo stare chino, l’apprezzare cosa comporti la scelta di vivere a contatto con la natura, o meglio di riappropriarsi dell’istinto e del voler relazionarsi con i beni primari della terra.

La nona edizione della manifestazione cade a vent’anni dalla prima e vede il ritorno del paesaggista toscano Stefano Mengoli, all’epoca ideatore insieme all’Associazione Culturale Buggiano Castello di questo evento, in qualità di consulente artistico.

TESTO
Stefano Mengoli
FOTO
woola.it

More from Discover Pistoia

Mister Wizard

Vastissimo assortimento e disponibilità immediata.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *