Quando la casa è sicura

Il primo e unico percorso didattico-educativo dedicato alla sicurezza domestica esistente in Italia.

Una passeggiata all’interno di un vero e proprio appartamento alla scoperta di rischi e pericoli presenti nelle nostre case per imparare, sotto la sapiente guida dei vigili del fuoco di Pistoia, a conoscere l’ambiente domestico e saperlo gestire, individuare, evitare ed affrontare situazioni pericolose e vivere con sicurezza la propria abitazione. Questa è Casa Sicura “Giorgio Tesi”, una struttura educativa fortemente innovativa ed unica nel suo genere, realizzata nel 2014 dopo 9 mesi di lavori, grazie al grande impegno dei volontari dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco, all’interno del palazzo San Gregorio, in Corso Gramsci 45 a Pistoia, a due passi dal centro storico.
Significative le parole di Fabrizio Tesi, Presidente della Fondazione Onlus Giorgio Tesi, che dopo una recente visita alla struttura accompagnato dal Presidente del Comitato di indirizzo della Fondazione Carlo Vezzosi e dal Presidente dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Sezione di Pistoia Luciano Burchietti, ha dichiarato: “Non ho parole per descrivere l’ottimo lavoro fatto grazie anche alla nostra Fondazione e sono davvero commosso per questa Casa che porta il nome Giorgio Tesi. Questa è un’iniziativa veramente importante per la collettività, che ci auguriamo possa fare da apripista su tutto il territorio nazionale e che rappresenta senza ombra di dubbio un’altra delle tante eccellenze espresse dalla nostra Comunità cittadina”.

Una struttura all’avanguardia
Circa 200 metri quadri di locali coperti e riscaldati, con attrezzature ed impianti ad alta tecnologia, destinati ai ragazzi di scuole dell’infanzia, primarie e secondarie, istituti superiori ma anche a famiglie, anziani e a gruppi di cittadini, per un progetto pilota innovativo e sviluppato su livelli diversificati, nato con lo scopo di contribuire ad abbassare l’alta percentuale di incidenti domestici che purtroppo ancora oggi avvengono in Italia.
L’obiettivo principale di Casa Sicura è proprio quello di insegnare ai visitatori di qualsiasi età, attraverso percorsi opportunamente diversificati a seconda di chi è il pubblico presente, quali sono i pericoli ed i rischi che si possono avere all’interno di una casa e le principali regole di sicurezza per evitare incidenti domestici e danni alle persone e alle cose.
Accompagnati da esperti, possiamo entrare in casa e seguire un percorso, stanza per stanza, che ci accompagna durante i normalissimi momenti di vita, nell’osservazione dei punti critici e di pericolo, rappresentati, per esempio da spine in sovraccarico, pentole in posizioni sbagliate sul fornello della cucina, apparecchiature elettriche collegate alla rete e posizionate vicino all’acqua sia in cucina che nel bagno.
Al termine del percorso i visitatori hanno ben chiari sia i punti critici da tenere sempre sotto osservazione, che le regole di sicurezza da seguire, in modo da poter applicare correttamente tutto quanto hanno appreso durante la visita, una volta tornati alle loro abitazioni.
Conoscevo l’iniziativa Casa Sicura, ed appena sono arrivato a Pistoia circa cinque mesi fa – ha dichiarato il Comandante dei Vigili del Fuoco di Pistoia Ingegner Luigi Gentiluomo – sono andato a vederla e sono rimasto davvero colpito. Un’idea geniale: attraverso percorsi differenziati e per i più piccoli anche ludici, i visitatori possono capire quali sono i reali pericoli di tutti i giorni. Tutto questo nasce comunque da un progetto che il Dipartimento Nazionale ha iniziato da anni sul tema della divulgazione della sicurezza, partendo dalle scuole dell’infanzia e dal concetto che educando i bambini più piccoli si crea un futuro migliore. Qui a Pistoia addirittura, siamo andati oltre e grazie al prezioso aiuto di chi ha creduto nell’iniziativa e dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco, si è creata una struttura permanente come Casa Sicura, che accoglie oltre ai ragazzi anche altre persone, tanto che abbiamo lanciato un ciclo di tre incontri che si chiama “I Care” rivolti ad insegnati, genitori, nonni e cittadini in genere volti a rendere tutti consapevoli in materia di sicurezza. Oggi è veramente fondamentale investire nella prevenzione”.

Una mattina a “Casa Sicura”
Siamo stati invitati ad assistere ad una visita guidata alla struttura da parte di una IV Elementare, che sotto la sapiente guida del Tutor Antonio Belluomini, Capo Squadra del Comando di Pistoia ed Istruttore Nazionale, ha seguito con attenzione tutto il percorso formativo previsto evidenziando anche grande entusiasmo nel rispondere alle domande ed alle sollecitazioni proposte. Dopo una spiegazione della segnaletica i ragazzi si sono accomodati in aula dove, aiutandosi con una presentazione in Power Point ed un breve filmato, il Tutor ha spiegato sia il ruolo ed i compiti dei Vigili del Fuoco che alcune indispensabili nozioni da conoscere sui pericoli ed i comportamenti da tenere quando abbiamo a che fare con la corrente elettrica e l’acqua. I ragazzi sono poi entrati nella “Casa Sicura”, un’abitazione vera e propria dove, a gruppi di 4-5, guidati da un volontario dell’Associazione, sono stati invitati a notare ed evidenziare tutti i comportamenti sbagliati.
Durante la visita abbiamo anche avuto il piacere di conoscere il Presidente dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Sezione di Pistoia, Luciano Burchietti, che, giustamente orgoglioso di quanto creato, ha dichiarato: “Voglio ringraziare tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione di questa struttura unica in Italia, ma in modo particolare, la Fondazione Giorgio Tesi Onlus, che fin da subito ha creduto in questo importante progetto, che alla fine di questo anno scolastico, arriverà ad aver ospitato diecimila bambini e che ha ottenuto i complimenti anche degli Assessori Regionali Cristina Grieco e Stefania Saccardi, che hanno recentemente visitato la struttura”.

 

Testo
Lorenzo Baldi
Foto
Lorenzo Gori

More from Discover Pistoia

Vivere lungo i binari

Mia madre era lucchese, di San Concordio poco fuori porta Elisa, proprio...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *