Le ricette pistoiesi: i maccheroni sull’anatra

Arriva San Jacopo e immancabile il piatto tipico della tradizione pistoiese: i maccheroni sull’anatra.

E’ tempo di San Jacopo, è tempo di patrono di Pistoia e non potevamo certo tirarci indietro dal raccontarvi come si fa il piatto tipico della tradizione pistoiese per il giorno del 25 luglio: i maccheroni sull’anatra. Un piatto immancabile con un condimento sicuramente particolare, perchè l’anatra muta non è originaria di queste zone, ma che consente solo per quel giorno di fare un “unicum” visto che viene usata sia come condimento per la pasta che come carne per la seconda portata. All’anatra, poi, ci andrebbero associati i fagiolini serpenti che devono essere cotti nel sugo dell’anatra ma in questa circostanza ci interessiamo solo della preparazione del primo piatto.

INGREDIENTI (PER 4 PERSONE)

1 anatra muta di circa 2 kg

400 gr maccheroni

mezza costa sedano

rosmarino

500 gr pomodori pelati

2 spicchi d’aglio

3 carote

3 cipole

olio, sale, pepe

pecorino a latte crudo

1 bicchiere di vino bianco secco

PREPARAZIONE

L’anatra va suddivisa in parti abbastanza grosse e va depurata di fegato ed interiora (meglio se avete un macellaio di fiducia che ve la prepara prima di riportarla a casa). Rosolare nell’olio il rosmarino, aglio, sedano, carote e cipolle e quando le verdure prendono colore mettere l’anatra: quando questa inizia a rosolare, è il momento di reinserire fegato ed interiora. Aggiungere sale e pepe quanto basta e il vino: quando questo sarà evaporato mettere i pomodori e poi un po’ d’acqua già riscaldata in precedenza.

A quel punto l’anatra va fatta cuocere per almeno un’ora e mezzo stando attenti al fatto che non si prosciughi troppo e si può aggiungere ancora acqua calda. Quando è cotta, togliere i pezzi più belli e teneteli da parte assieme a metà del sugo ottenuto che vi serviranno per servire la seconda pietanza. Poi disossare gli altri pezzi e tritateli in modo da ottenere con le verdure, il fegato e le interiora un sugo che sia ben amalgamato. A quel punto si possono mettere a cuocere i maccheroni che poi vanno saltati in padella col sugo ed alla fine una spolverata di pecorino grattugiato.

redazione discover

 

More from Discover Pistoia

Una nuova bellezza per la città: la Chiesa di San Salvatore

La Fondazione Caripit ristruttura la chiesa a due passi da piazza Duomo.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *