Piazza San Francesco come non l’avete mai vista

Uno scatto degli anni Trenta ci fa vedere com’è cambiato il panorama in quella che i pistoiesi chiamano Piazza Mazzini.

Siamo nel 1932, la guerra con la sua durezza e violenza deve ancora colpire profondamente Pistoia ma l’immagine che vedete è davvero particolare ed interessante. Siamo in Piazza San Francesco o, per dirla nel modo tipico dei pistoiesi, in piazza Mazzini.

Una piazza decisamente meno inquinata di quanto non lo sia adesso perché, nonostante all’epoca qualche auto iniziasse già a circolare ovunque, in questo fermo immagine si possono notare soprattutto cavalli e barrocci. L’altro aspetto sicuramente interessante è quello della grande quantità di verde che adorna il grande spazio pubblico: addirittura anche le palme, come si può vedere sulla sinistra dell’immagine.

C’è già un chiosco in primo piano, anche se non è dato sapere cosa vendesse visto che in quel momento aveva il bandone chiuso. Rispetto ad allora resistono ancora le vasche dei pesci, tenute in maniera migliore di quanto non lo siano adesso, le colonne che facevano da ingresso alla piazza dalla strada e le panchine che sono sempre negli stessi punti anche se, nel corso dei decenni, ovviamente sono state ristrutturate.

Nei palazzi di fronte, infine, già spuntavano attività commerciali ai piani terra dei palazzi, anche se dalla grandezza ben diversa rispetto a quelle che ci sono attualmente. 

pistoia com era

Pistoia Com’era è un gruppo nato su Facebook per far conoscere, anche ai più giovani, soprattutto attraverso le fotografie le meraviglie della nostra città e come Pistoia è cambiata da fine Ottocento ad oggi. Ogni giorno sempre spunti nuovi mettendo in evidenza una Pistoia che non esiste più: non una operazione-nostalgia, ma semplicemente valorizzare quello che Pistoia è stata. E’ così che è nata la collaborazione fra il gruppo e Discover Pistoia.

More from Discover Pistoia

Volontariamente pistoiese

Un itinerario nei luoghi dell’artista, da Montale a Popiglio passando per Pistoia.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *