PISTOIA CANDIDATA AL TITOLO DI “CAPITALE MONDIALE DEL LIBRO” 2021

Pistoia rappresenterà l’Italia nella prestigiosa competizione promossa dall’UNESCO,  che assegna ogni anno il titolo di “capitale mondiale del libro” alla città che abbia presentato il più innovativo e interessante progetto di promozione della lettura. Dal 2001, anno di nascita di questo concorso internazionale, in Italia c’è stata solo una città a raggiungere il gradino più alto del podio: Torino, nel 2006.

Le altre città vincitrici (Atene, Kuala Lumpur, Montreal, Bogotà, Nuova Delhi, Bankok, tanto per ricordarne solo alcune in ordine sparso) sono tutte città molto grandi. Sebbene sia una realtà di piccole dimensioni, Pistoia ha voluto comunque presentare la propria candidatura, ritenendo che fosse utile provare a tradurre le tantissime attività che ruotano attorno alla lettura in città, in una mappa leggibile e in grado di esprimere un’idea convincente e innovativa di promozione della lettura e del libro.

La candidatura di Pistoia, che si riferisce al periodo 23 aprile 2021-22 aprile 2022, ha raccolto il consenso e il sostegno dei principali soggetti che a livello nazionale si occupano di libri e lettura: l’Associazione Italiana Biblioteche, l’Associazione Italiana Editori, l’Associazione degli Editori Indipendenti, l’Associazione Librai Italiani. Tra i partner istituzionali, l’Anci, l’associazione dei comuni italiani a livello nazionale e regionale, la Regione Toscana e soprattutto la Commissione Italiana Unesco, il cui endorsement è stato decisivo per rendere valida la candidatura stessa. In particolare, la Regione Toscana – come già avvenuto nel caso della nomina di Pistoia a capitale italiana della cultura per il 2017 – ha permesso di associare al nome di Pistoia il nome della Toscana, un territorio amato e conosciuto in tutto il mondo: un brand forte, che potrà sostenere l’immagine di Pistoia, sicuramente meno conosciuta a livello internazionale. Tra le lettere di sostegno di personaggi illustri, spicca il testo di Daniel Pennac, che a Pistoia viene frequentemente per lavorare con il Funaro, e Mario Vargas Llosa, il Premio Nobel per la letteratura che ancora oggi si dice entusiasta di Pistoia e dell’accoglienza che ebbe quando tenne una conferenza alla San Giorgio.

Il progetto, dal titolo “Pistoia-Toscana 2021: bookways to the future”, è stato concepito nella forma di una mappa di metropolitana, le cui linee si intersecano in stazioni che corrispondono a specifici momenti o interventi di promozione della lettura: dai numerosi festival già in programma alle attività rivolte alle persone in difficoltà, dalle letture per bambini agli interventi “fuori di sé”, dalla collaborazione con editori e librai alla valorizzazione delle biblioteche storiche.

Il primo luglio 2019 dalla sede centrale di Parigi dell’Unesco sarà reso noto il nome della città designata come vincitrice, che sarà sostenuta da uno speciale gruppo di lavoro per impiegare al meglio i quasi due anni di tempo prima della nomina al fine di mettere a punto il programma effettivo di attività, che prenderà il via il 23 aprile 2021 per concludersi il 22 aprile 2022. Ad oggi rimangono segreti i nomi delle altre città candidate, con cui Pistoia si confronta: al di là del risultato che potrà uscire da questa competizione, la stessa candidatura è da considerarsi una mossa importante per valorizzare la conoscenza della città e per accrescere la visibilità di Pistoia nel contesto internazionale.

More from Discover Pistoia

Partecipa anche tu a Street Art Agliana 2016 con Moneyless

Svelati i luoghi dei due murales che verranno allestiti ad Agliana: al...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *