Puccini Water Bridge: un ponte galleggiante per il lago del Villone

puccini water bridge

Un team di architetti e ingegneri ha progettato un ponte galleggiante ispirandosi all’opera dell’artista Christo, realizzata sul lago di Iseo nel 2016.

Anche Pistoia avrà il suo ponte galleggiante, un Floating Piers in miniatura che congiungerà le sponde del lago del Villone Puccini con il suo isolotto interno. Il Puccini Water Bridge questo il nome del progetto a cui sta lavorando un team di professionisti composto dall’architetto Lorenzo Romaniello, l’ingegnere Stefano Pianigiani e la designer Giulia Sala.

La passerella galleggiante, larga 1 metro e lunga 32, permetterà ai frequentatori del parco di visitare l’isolotto al centro del lago, finora irraggiungibile. Al suo interno, ricoperto dalla fitta vegetazione, nasconde l’affascinante riproduzione del tempio greco dedicato a Pitagora che Niccolò Puccini fece realizzare come luogo di meditazione e riflessione.

“Durante lo svolgimento della tesi di laurea sull’architettura galleggiante – spiega Romaniello – ci siamo detti che sarebbe stato bello realizzare un progetto simile anche a Pistoia, la Capitale Italiana della cultura, in uno dei luoghi simbolo della città come il Villon Puccini”.

pucciniponte

La proposta del team, appoggiata anche dall’imprenditore Alessandro Scalise e presentata all’amministrazione comunale, si articola in tre interventi.
Il primo riguarda la realizzazione di un percorso espositivo iconografico da posizionare lungo le sponde del lago, con espositori amovibili dotati di tecnologia fotovoltaica per renderli indipendenti dalla rete elettrica. Questi espositori serviranno a raccontare le bellezze e i monumenti della città. L’altra operaione prevede appunto il ricongiungimento dell’isolotto romantico al resto del parco mediante una passerella galleggiante e infine l’installazione di un impianto d’illuminazione notturno all’interno del parco, per rendere merito alle bellezze architettoniche e agli scorci paesaggistici naturali.

La passerella sarà realizzata tramite moduli in plastica galleggianti, componibili, amovibili e a basso impatto ambientale. La caratteristica principale è la totale reversibilità. Infatti i moduli in plastica della passerella sono realizzati con materiale riciclabile e possono essere utilizzati anche per altri scopi. Come, ad esempio, la realizzazione di salotti galleggianti da usare per particolari eventi, come installazioni artistiche, ma anche per spettacoli musicali da tenere nel piccolo anfiteatro dell’isolotto. La passerella vedrebbe la sua installazione durante il mese di luglio.

More from Discover Pistoia

Per non dimenticare: Diario di prigionia 1943-1945

Venerdì 12 febbraio sarà presentato il volume che racconta le vicende dell’ufficiale...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *