Pistoia nel mondo

Pistoia nel mondo

Eccellenze ed esempi virtuosi che esportano nel mondo l’artigianalità, la tradizione del loro territorio, con l’attenzione e la dedizione al lavoro tramandato di generazione in generazione e uno sguardo sempre rivolto al futuro.

Sono alcune delle aziende pistoiesi più importanti, famose anche all’estero proprio per l’elevata specialità della produzione e che fanno parte di vari comparti, dall’alimentare al meccanico alla moda al vivaismo. Uno spaccato, realizzato all’interno di questo focus, che vuole raccontare le qualità produttive presenti sul territorio che contribuiscono a portare il nome di Pistoia nel mondo.

Il territorio pistoiese è un luogo difficilmente ripetibile, circondato da montagne e da colline pre appenniniche che creano un microclima unico nel suo genere, perfetto per la crescita di moltissime varietà di piante e ideale per la nascita del settore vivaistico. È in questo contesto che la Giorgio Tesi Group guidata oggi da Fabrizio, Tiziano, Romeo e Claudio Tesi ha sviluppato le sue eccellenze: l’innovazione varietale, la qualità del servizio, l’efficienza logistica, la bellezza e il grande assortimento delle piante, contando oggi 18 vivai di produzione situati intorno al polo logistico e amministrativo di Pistoia e 4 filiali in Italia.

Su questi terreni, si distribuiscono 500 ettari di superficie di coltivazioni aziendali, realtà fondamentali all’interno del processo produttivo che esporta in 60 paesi del mondo.

Nel ricco settore florovivaistico si collocano anche Rose Barni, Romiti & Giusti e Flora Toscana, eccellenze specializzate nella produzione di fiori e nell’arte della topiaria. La storia di Rose Barni risale al 1882 quando Vittorio Tommaso Barni iniziò la vendita di ortaggi, viti e piante di acero. I figli si sono poi specializzati nella coltivazione della rosa portando l’azienda a diventare uno dei maggiori produttori di rose internazionali, avvalendosi di tecniche innovative e di un alto grado di specializzazione. Romiti & Giusti ha invece affinato l’arte topiaria, una tecnica di potatura che permette alle piante di assumere le forme più varie. Famose creazioni di Romiti & Giusti si trovano ad esempio a Gardaland, il parco divertimenti più grande d’Italia e al Giardino di Boboli a Firenze, non solo, l’azienda realizza opere ad hoc in occasione di importanti eventi o manifestazioni. A Pescia, a pochi km da Pistoia, ha la propria sede Flora Toscana leader del settore florovivaistico. Sono 115 le aziende di produzione socie di Flora Toscana che coltivano un ampio assortimento di piante e fronde recise in oltre 320 ettari, con aziende concentrate per il 70% in Toscana tra Pistoia e Lucca e per il 30% in Campania, Sicilia, Lombardia, Liguria, Piemonte, Spagna e Kenya. In particolare Flora Toscana si caratterizza per la coltivazione in vaso di essenze australiane e sud-africane della famiglia delle Proteaceae.

Strettamente collegata al distretto vivaistico ed eccellenza meccanica e industriale è l’azienda Pazzaglia, fondata nel cuore della provincia di Pistoia nel 1983 come piccola officina di costruzione e riparazione di macchine agricole. La ditta oggi rappresenta la prima azienda a livello mondiale specializzata in macchine dedicate al settore delle piante.

Come il vivaismo esporta i suoi prodotti in tutto il mondo anche altre realtà, specializzate in settori diversi, si sono affermate nel panorama internazionale. Cartiere Carrara è tra i principali produttori e trasformatori europei di carta tissue, esportando in oltre 47 paesi nel mondo. L’azienda ha origini antiche: nel 1873 viene avviata la piccola cartiera di Boschi di Chievi (Pescia) che produceva carta paglia utilizzando la forza dell’acqua corrente per muovere le macchine. In 143 anni il gruppo conta oltre trecento dipendenti in nove stabilimenti.

Immerso nel verde della campagna pistoiese, dove i vivai seguono un disegno di trame razionali e regolari, sorge lo stabilimento Giovannetti, totem per l’arredamento radical degli anni Settanta.
L’azienda, creata e ancora oggi guidata dal Cav. Benito Luigi Giovannetti, si è proposta fin dall’inizio all’attenzione mondiale con creazioni innovative e di ricerca come Bazaar, Onos, Teso, Lambda.
Questi prodotti, progettati dal Superstudio, godono ancora oggi di grande fama nel mondo dei collezionisti e del modernariato. Pistoia è inoltre, fin dagli anni ’70, un importante polo ferrotranviario, prima con Breda e AnsaldoBreda, oggi con Hitachi. Il comparto ha creato un tessuto di aziende satelliti a supporto della produzione di carrozze ferroviarie, tram e metropolitane come ad esempio Cima Impianti, fondata nel 1953 come azienda produttrice di stampi per la ricostruzione degli pneumatici.
L’azienda Landucci, invece, coniuga tecnologia alla qualità del prodotto alimentare. Nasce nel 1925 e da quasi un secolo ha mantenuto la produzione a Pistoia, esportando però in tutto il mondo. Il lavoro principale è la produzione delle trafile attraverso cui i pastifici possono produrre tutti i formati di pasta, dai più semplici a quelli più complessi.

Accende i riflettori sulla città anche Lumis, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di luci per alberghi. La collaborazione con designers internazionali e la produzione artigianale interamente italiana, hanno sviluppato una cultura in grado di soddisfare anche i mercati esteri. I prodotti dell’azienda sono presenti in grandi alberghi, sale congressi, ristoranti, navi da crociera e negozi: il senso della luce, creatrice di profondità ed atmosfera è il parametro fondamentale della produzione.
Quando parliamo di cultura del benessere è impossibile non menzionare PerDormire, Materassificio Montalese nato a Montale nel 1971 dalla creatività e dall’abilità artigianale della famiglia Caso e oggi realtà imprenditoriale di successo.

Un patrimonio dove le abilità artigianali e le conoscenze tecniche vengono tramandate da una generazione all’altra e arricchite di tecnologia e innovazione.

PerDormire si occupa di tutti gli aspetti che riguardano il benessere del sonno, abbracciando una vasta gamma di prodotti che vanno dal materasso al guanciale.

Anche The Flexx si occupa di benessere ma riferito alle calzature con la sede aziendale e produttiva a Pistoia. La famiglia Kaiser, da oltre due secoli ha come obiettivo quello di conferire unicità, qualità e stile ad ogni creazione, realizzata per donne moderne.

Di origini antiche e lunga tradizione è anche il distretto del ricamo e della biancheria che si sviluppa nelle località di Quarrata e Casalguidi grazie al quale la Toscana rappresenta l’11,3% del totale della produzione italiana. Una delle aziende più rinomate è Dea di Quarrata, nata nel 1963 da un’intuizione di Dea Mantellassi che inizia a tagliare e a confezionare stoffe, vendendole “porta a porta”. La qualità dei ricami e delle confezioni diventano presto di successo e oggi il gruppo ha punti vendita e clienti negli Stati Uniti, in Canada e in Asia.

Il territorio pistoiese è anche celebre per le sue eccellenze enogastronomiche che si riscontrano nelle produzioni di altissima qualità come vino, dolci e verdura. La Fattoria Casalbosco è tra le aziende vinicole più rinomate. Situata a Santomato, produce vino Chianti ed IGT dal 1960, in particolare i vini Dorato, Chianti Riserva, Fuor Civitas, Orchidea e Vinsanto, caratterizzati da etichette inconfondibili che evocano le linee romaniche delle chiese toscane.

Era invece il 1904 quando Amos Marini, vice-podestà del comune di Agliana, convinse il fratello minore Angelo ad ottenere una licenza di vendita di carni bovine e suine nella piccola frazione agricola di Ferruccia. Nasceva la Macelleria Marini, gestita ancora oggi dalla famiglia Marini che prepara prosciutti, salumi stagionati, finocchiona, mortadella di Prato, in modo naturale sotto volte centenarie; l’azienda esporta inoltre i vari prodotti a ristoranti, enoteche e gastronomie in Italia e all’estero.

La ditta Corsini è attiva a Pistoia dal 1918, fondata dal Cav. Umberto che, già allora, perseguendo il principio della qualità, produceva confetti e cioccolato. L’azienda è ancora a gestione familiare e produce i tipici confetti, realizzati secondo antiche ricette medievali, l’esclusivo Panforte Glacé al cioccolato, le praline e i bonbons al caffè.

La dolcezza è la chiave anche dell’azienda Slitti a Monsummano Terme che, da torrefazione di caffè passa nel 1989 alla lavorazione e produzione del cacao. Nel 2012 entra in funzione il laboratorio artigianale e oggi è tra i nomi più importanti al mondo per il cioccolato, con una linea di prodotti presente in 25 paesi. Insieme all’azienda Catinari di Agliana e ai fratelli Lunardi de La Molina di Quarrata, forma quella che è stata definita la Tuscan chocolate valley.

Restando nella Valdinievole, a Montecatini Terme, l’eccellenza dolciaria si chiama Bargilli ed inizia nel 1936 quando Orlando, il fondatore, decide di imparare la professione di pasticcere rivisitando il wafer nordico: nasce la “Cialda di Montecatini”, un biscotto semplice e delicato in cui le materie prime naturali si uniscono in un’assonanza di profumi con una sapiente combinazione. Dei prodotti “Bargilli” fanno parte anche i Brigidini, il “trastullo” al profumo di anice ed i Cantuccini alle mandorle.

Non realizza dolci ma ha una storia antichissima l’azienda Polli a Monsummano Terme, nata nel 1872 da Fausto Polli e diventata leader nel settore delle conserve vegetali, dai sottoli ai sughi ai sottaceti, conquistando un ruolo da protagonista nel mercato nazionale e internazionale. Presente in 45 paesi nel mondo con oltre 30 marchi, il gruppo dispone di 3 stabilimenti all’avanguardia (Monsummano Terme, Eboli e Hinojos in Spagna) in cui vengono lavorate più di 134 materie prime alimentari, con una produzione di circa 22.000 tonnellate di verdure e più di 90 milioni di confezioni.

Il territorio pistoiese è anche ricco di musei storici, gallerie, parchi dedicati all’arte moderna con soggetti imprenditoriali che operano nel settore, avvalendosi di un’esperienza pluridecennale. La Salvadori Arte realizza opere in bronzo e leghe ferrose con il metodo a “cera persa”. Le opere più importanti sono state realizzate per artisti del calibro di Roberto Barni, Claudio Parmiggiani, Igor Mitoraj, Fernando Botero, Jorio Vivarelli, mentre alcune fusioni Salvadori sono ospitate nei più famosi musei e collezioni d’arte del mondo.

Sapienza artigianale e un primato nel panorama musicale contemporaneo sono le caratteristiche che rendono l’azienda Ufip leader nella produzione di piatti musicali e strumenti a percussione, tra gli sponsor ufficiali di importanti festival, tra cui il Pistoia Blues. La ditta esporta in tutto il mondo e si è legata nel tempo a importanti luoghi e nomi della musica: dal Teatro alla Scala di Milano al Comunale fiorentino, dal jazzista Bruno Tommaso a batteristi come Tullio De Piscopo. Luigi Tronci, erede della famiglia di organari, è oggi patron della Ufip.

Realtà quindi tutte strettamente legate al territorio dove sono nate e dove continuano ad operare, realtà aziendali pistoiesi di immenso valore che riescono negli anni a mantenere qualità e standard di produzione elevati e sempre eccellenti, proiettandosi al futuro con innovazione, consapevolezzadelle radici e amore per il proprio lavoro.

 

TESTO
Luisa Lenzi
FOTO
Nicolò Begliomini
Archivio Aziende

More from Discover Pistoia

Le Scole pistoiesi: Pasqua e tradizioni…

Le Scole sono un dolce tipico della zona di Pistoia, prodotto nel...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *