Take refuge, in mostra i mille volti di chi scappa dalla guerra

Take refuge, in mostra i mille volti di chi scappa dalla guerra

Nelle Sale affrescate del Comune di Pistoia, fino al 21 febbraio, il reportage di Simone Margelli.

Una mostra fotografica sulle vite dei migranti, dopo il viaggio e le fatiche. Immagini che non mostrano sofferenze o dolori, ma volti e corpi di persone rappresentati semplicemente come esseri umani, oltre ogni pregiudizio, diffidenza o timore.

Si chiama “Take refuge” ed è la mostra di Simone Margelli – ventottenne fotografo pistoiese – curata da Veronica Betti e Roberto Nania, e organizzata da Ives Pistoia (Integrarsi, valorizzarsi, emozionarsi, sostenersi). Associazione che dal 2014 opera sul territorio per diffondere la cultura dell’integrazione.

simone margelli take refuge 01  simone margelli take refuge 02

Foto: Simone Margelli

Un reportage per immagini che sonda le realtà dei centri di accoglienza pistoiesi che ospitano i richiedenti asilo – in attesa di ottenere il riconoscimento di rifugiati – e che racconta, attraverso i volti dei protagonisti, la ricerca della felicità e di una libertà che nel paese di origine gli è stata negata.

Fughe dalla guerra, abbandono della propria casa e dei propri cari, viaggi della speranza e ricerca di un futuro migliore, fino all’approdo nei centri di accoglienza. Uomini e ragazzi che arrivano in Italia da paesi come il Pakistan, il Gambia, la Nigeria, la Costa d’Avorio, e che a Pistoia hanno trovato accoglienza nei centri delle frazioni pistoiesi delle Piastre e Collina, e nel comune di Massa e Cozzile, gestiti dal “Gruppo Incontro cooperativa sociale” e il consorzio “Co&So Pistoia”.

simone margelli take refuge 03  simone margelli take refuge 04

Foto: Simone Margelli

La mostra – patrocinata dal Comune di Pistoia e dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) – è allestita nelle Sale Affrescate di Palazzo di Giano, in piazza del Duomo. Resterà visibile fino al 21 febbraio, con ingresso gratuito, tutti i giorni della settimana dalle 10 alle 18.

La mostra è stata realizzata in collaborazione con : Emergency, Consorzio Co&So, Gruppo incontro Cooperativa Sociale e Cooperativa Arkè.

Valentina Vettori

valentina vettori

Mi chiamo Valentina Vettori e sono nata a Pistoia il 18 marzo 1990. Dopo essermi diplomata al liceo scientifico, ho conseguito la laurea triennale in Scienze della comunicazione all’Università di Firenze per poi trasferirmi a Genova. Città in cui ho vissuto due anni e mezzo e dove mi sono laureata in Informazione ed editoria, dopo aver frequentato il corso di Giornalismo culturale. Nella città ligure ho mosso i miei primi passi nel mondo del lavoro scrivendo per l’Agenzia regionale per la promozione turistica. Nel 2015 sono tornata a Pistoia e ho cominciato a collaborare con il quotidiano Il Tirreno. Amo i viaggi, i cani, la filosofia, i tramonti al mare e la cucina toscana, ma non chiedetemi di cucinare, non ne sono capace.

More from Discover Pistoia

Diario di viaggio in Colombia – 5° giorno

Si comincia a testare le conoscenze sul campo: Sandro e gli altri...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *