Piqued Jacks: dagli States fino a Prato

Piqued Jacks: dagli States fino a Prato

Il gruppo aprirà il concerto degli Interpol.

La vocazione internazionale della band fondata a Buggiano (PT) nel lontano 2006 è una prospettiva che diventa realtà.

I Piqued Jacks alle ore 21:00 del 1 settembre 2015 apriranno il primo e attesissimo evento del “Settembre Prato”.

Ad inaugurare la kermesse musicale pratese sarà proprio la band toscana, selezionata recentemente dagli organizzatori del festival e dall’entourage degli Interpol.

Il gruppo indie-rock newyorchese guidato da Paul Banks vanta una serie di importanti successi e riconoscimenti: arrivano a Prato con 5 dischi all’attivo per presentare il loro ultimo lavoro “El Pintor” (2014).

Ad aprire il concerto degli Interpol saranno i Piqued Jacks, rientrati da poche settimane dagli U.S.A, dopo il loro secondo tour negli States.

piqued jacks locandina piqued jacks
Foto: I Piqued Jacks in studio e la locandina del concerto

“Abbiamo macinato oltre ventimila chilometri – raccontano i Piqued Jacks – e attraversato una dozzina di Stati. La scena musicale americana è incredibile, ci sono persone che per ascoltarti percorrono anche due ore in auto”. E’ proprio così: i Piqued Jacks fin dalle prime canzoni degli esordi cantano in inglese. Una scelta molto impegnativa ma che ha connotato il sound della band pistoiese, riconoscibile e apprezzato prima nella scena underground di Austin Texas e poi nelle numerose città toccate durante l’ultimo Atlas Tour, concluso nel giugno 2015.

“Appena rientrati in Italia dopo il secondo tour in U.S.A. – proseguono i Piqued Jacks – abbiamo suonato in diversi festival, fra questi il Marea Festival di Fucecchio e adesso arriva Settembre Prato con gli Interpol. Ci sentiamo molto carichi, per noi questa chiamata rappresenta uno scalino importante per il futuro della band”.

I Piqued Jacks, dopo aver pubblicato singoli, EP e LP – ultimo fra questi “Climb Like Ivy Does” del 2015 – sono già pronti per incidere il loro primo album acustico, subito dopo essere scesi dal palco e aver ascoltato gli Interpol. “Da tempo ci chiedono di incidere un album acustico – afferma il chitarrista Francesco “Penguinsane” Cugia – e nelle prossime settimane inizieremo a lavorare a questo progetto”. I giovani musicisti sono molto legati e raccontano la loro esperienza americana e italiana a quattro voci, sempre ben accordate fra loro, una sinergia che certamente aiuta quando per settimane intere ci si sposta per migliaia di chilometri. “Negli Stati Uniti – raccontano i Piqued Jacks – ogni giorno percorrevamo 8 ore di auto per arrivare nel luogo del concerto. Suonavamo e al mattino seguente ancora altre 8 ore per raggiungere la nuova meta, siamo una band rodata e pronta a suonare in ogni contesto… anche senza spie e sound-check! “.

Non resta che andare ad ascoltarli nella grande serata di Prato, dove Buggiano incontra New York… grazie alle infinite possibilità dell’arte.

Info per l’evento: https://www.facebook.com/events/353503734847876/

http://www.piquedjacks.com

Emanuel Carfora

carfora 

More from Discover Pistoia

Incontri e visite guidate gratuite con “Faccio un salto al museo”

Sette musei in cinque Comuni della Valdinievole realizzano un cartellone di eventi...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *