Ultime notizie:

Nuove casine dei libri a Fabbiana e Spedaletto

Prosegue l’installazione di piccole casine di libri nelle frazioni...

Ultime notizie:

Nuove casine dei libri a Fabbiana e Spedaletto

Prosegue l’installazione di piccole casine di libri nelle frazioni...

Martedì 16 luglio la vestizione di San Iacopo

Il tradizionale corteo storico partirà intorno alle 18.45...

Una chiesa ritrovata. La vicenda della pieve dei Ss. Martino e Sisto di Medicina

Domenica 7 luglio, ore 21, in piazza San Martino...

Nella terra dei fuoriclasse

Presenti gli atleti di 41 nazioni e 700 giornalisti di 5 continenti.

Ha vinto il pubblico. L’unica certezza di un mondiale in grande stile, è quello della netta affermazione del territorio toscano e dalla sua gente. Assume poco valore la povertà del medagliere italico, di fronte alla bellezza di un evento mondiale. Non era mai capitato alla Toscana l’onore di ospitare un avvenimento di tale portata. E la risposta è stata entusiasmante. Da queste parti ci si sente padri del ciclismo, sport praticato da migliaia di amatori ogni giorno. Il territorio ha dato tanti campioni alle due ruote, nati qua oppure adottati per farli crescere. Ogni chilometro percorso permetteva di ricordare qualche nome noto, che lì aveva vissuto e transitato. Non è stato un caso il passaggio della gara più attesa, quella di domenica, nel paese di Franco Ballerini, commissario tecnico della nazionale scomparso in un incidente di rally. Ballerini è stato uno degli iniziali fautori del mondiale in Toscana, quando sembrava impossibile renderlo concreto. Non è un dettaglio e fa capire quanta voglia c’era di realizzare un evento di tale portata, seppur in epoca di crisi.

E i numeri palesano la riuscita organizzativa: più di 700 i giornalisti accreditati, provenienti da 41 nazioni, per non contare l’ondata di pubblico capitato per l’occasione. Il ritorno  economico si è diffuso, così, tra gli operatori:  era impossibile trovare una camera libera a Lucca, Firenze, Montecatini e Pistoia, le città toccate dai tracciati.

I colori del tifo hanno toccato campagne e città, dando scenari unici e, forse, irripetibili con Olanda, Germania, e Danimarca a farla da padrone. In tanti hanno unito ciclismo, arte e natura sfruttando le corse come spunto turistico. Poi c’è lo sport e anche qua si è resa evidente la crescita del movimento a livello globale. Sul podio sono montati paesi che fino a poco tempo fa erano sconosciuti al ciclismo come Nuova Zelanda, Albania e Slovenia. È semplicemente un dato che aiuta a capire il gettito lungo di una disciplina divenuta mondiale davvero, per la prima volta.

www.toscana2013.it

TESTO

Emanuele Begliomini

FOTO

Archivio Comitato Organizzatore 

Mondiali di Ciclismo Toscana2013 

[vc_gallery type=”image_grid” images=”22872,22874,22877″ title=”Nella terra dei fuoriclasse”]

Sponsored by:

spot_img

Eventi

luglio, 2024

Discover Shop

spot_img

Don't miss

Un viaggio nei luoghi del cuore di Tiziano Terzani

A vent’anni dalla morte, il Comune di Pistoia ricorda...

Lunedì primo luglio, la sfilata di apertura dei festeggiamenti jacopei

Lunedì primo luglio, la sfilata di apertura dei festeggiamenti...

Riapre OCA Oasy Contemporary Art and Architecture

Il 30 giugno, in collaborazione con Galleria Continua, si...

A Saturnana inaugurazione del Percorso della Ferriera e dei Mulini del Botro

È previsto per sabato 29 giugno alle 16.00 il...
Naturart
Naturart
Pubblicazione di punta della Giorgio Tesi Group è la rivista trimestrale gratuita NATURART, edita in italiano e inglese dal 2010 con l’intento di valorizzare in Italia e all’estero le eccellenze e i tesori custoditi da Pistoia e dalla sua provincia. Naturart è media partner riconosciuto per gli eventi speciali di numerose istituzioni locali impegnate nella promozione del senso di orgoglio e di appartenenza a questo territorio.
spot_imgspot_img

Potrebbero interessarti anche

Napoli e Pistoia unite

Avvicinatevi alla Bellezza è il titolo che la Giorgio Tesi Group ha dato ad una collana editoriale che promuove e racconta, con testi ed...

Donne forti Il disegno della scultura

L’origine è il disegno!Begliomini, fin da ragazzo, osservando il mondo che agiva nel paese delle Piastre in cui è nato, inizia a rappresentarne graficamente...

Essere natura, anche mangiando

Essere natura, stabilire un rapporto diverso con l’ambiente in cui viviamo, più da vicini di casa, da coinquilini dello stesso pianeta, che non da...