Ultime notizie:

Martedì 16 luglio la vestizione di San Iacopo

Il tradizionale corteo storico partirà intorno alle 18.45...

Ultime notizie:

Martedì 16 luglio la vestizione di San Iacopo

Il tradizionale corteo storico partirà intorno alle 18.45...

Una chiesa ritrovata. La vicenda della pieve dei Ss. Martino e Sisto di Medicina

Domenica 7 luglio, ore 21, in piazza San Martino...

A Saturnana inaugurazione del Percorso della Ferriera e dei Mulini del Botro

È previsto per sabato 29 giugno alle 16.00 il...

La città vestita di verde

Intervista a Federico Quaranta a Pistoia anche per “Un altro parco in città”.

Si può guardare il paesaggio con diversi tipi di occhi. Siano essi attenti, distratti, intuitivi e persino analitici, la prima idea di quello che ci circonda dipende da loro. Quelli di Federico Quaranta, conduttore radiofonico e televisivo specializzato su temi agricoli e alimentari, sono allenati a riconoscere il bello. La sua visita al vivaismo pistoiese, nell’ambito della trasmissione “Linea Verde Orizzonti”, è valsa un ritorno durante la manifestazione “Un altro parco in città”, con cui due piazze del centro storico di Pistoia si sono vestite di un bel tappeto erboso. L’amore verso il nostro territorio, così, ha avuto modo di rafforzarsi.

Federico, lei è un esperto conoscitore di tutta l’agricoltura italiana e dei suoi modi di fare così diversi nella penisola. Qual è stato il suo primo impatto con il vivaismo pistoiese?

L’effetto è stato clamoroso, di una bellezza inattesa, comprensibile solo entrando dentro a un vivaio. Passando dall’autostrada si percepisce qualcosa, ma c’è bisogno di attenzione e tranquillità per apprezzare a fondo quello che viene preparato qua. Ci vuole un contatto non filtrato: superando la superficialità si comprende che gli alberi sono il prodotto di una storia lunga, appassionante e coinvolgente. Ho avuto la fortuna di essere accompagnato da Fabrizio Tesi, un uomo che trasuda esperienza e amore per quel che fa. Camminare tra le piante assieme a lui è stato un onore: mi ha battezzato sulle nozioni del vivaismo, con una straordinaria passione e conoscenza di tutto il settore.

Quale significato assume il vivaismo nel panorama generale dell’agricoltura?

Come per tutte le produzioni agricole, l’importante è far capire il lavoro che sta dietro alla terra. È sempre difficile farlo comprendere e così è anche per il vivaismo. La pianta ornamentale è il frutto di conoscenze e fatiche non di poco conto, che meritano rispetto. Questo vale, in generale, per tutta l’agricoltura italiana, migliore delle altre perché si porta dietro tradizioni e capacità storiche che si tramandano di generazione in generazione. Questo è il vero valore aggiunto del nostro prodotto. Mi viene in mente una frase dei nativi americani: “Non ereditiamo la terra dai nostri avi; la prendiamo a prestito dai nostri figli. Nostro è il dovere di restituirgliela”. Ecco, senza il rispetto che gli agricoltori hanno per il territorio, questo non sarebbe possibile.

“Un altro parco in città” 2014

L’evento “Un altro parco in città”, invece, come lo ha vissuto?

Sono rimasto sbalordito e sconvolto da questa idea di vestire due piazze storiche con un tappeto erboso. È come se la gente si fosse riappropriata di quei luoghi. Basta un prato, e le persone si riavvicinano al substrato cittadino e la popolazione riprende contatto con la piazza. La concezione di adattare spazi per la popolazione, di farli vivere e non renderli semplici zone di passaggio: ecco cosa manca, spesso, nella gestione delle città. Le piazze esaltano il concetto di vita italiana, al contrario dei “non luoghi”, come i centri commerciali, dove tutto è piatto e privo di identità. “Un altro parco in città” ha creato un’opportunità per pensare ma, allo stesso tempo, mi sono stupito che sia durato così poco. Propongo delle migliorie per il prossimo anno: mantenerlo per cinque giorni almeno e creare degli eventi collaterali in primis. Il vivaismo, poi, può fare di più: Pistoia ha un’opportunità unica con le sue tante aziende del settore. Perché, allora, limitarsi a due piazze e non vestire di verde l’intera città? Vedo tante prospettive dietro a questa iniziativa, anche di comunicazione, perché l’idea è notevole e altri centri storici potrebbero gemellarsi all’evento. L’idea è grandiosa, ora non resta che migliorarla e comunicarla al mondo intero.

www.giorgiotesigroup.it

TESTO

Emanuele Begliomini

FOTO

Fabrizio Sichi

[vc_gallery type=”image_grid” images=”23725,23727,23729,23731,23733,23735,23737,23739,23741″ title=”La città vestita di verde”]

Sponsored by:

spot_img

Eventi

luglio, 2024

Discover Shop

spot_img

Don't miss

Lunedì primo luglio, la sfilata di apertura dei festeggiamenti jacopei

Lunedì primo luglio, la sfilata di apertura dei festeggiamenti...

Riapre OCA Oasy Contemporary Art and Architecture

Il 30 giugno, in collaborazione con Galleria Continua, si...

A Saturnana inaugurazione del Percorso della Ferriera e dei Mulini del Botro

È previsto per sabato 29 giugno alle 16.00 il...

Torna il cinema estivo a Pistoia

Da venerdì 21 giugno torna il cinema estivo nell’arena...
Naturart
Naturart
Pubblicazione di punta della Giorgio Tesi Group è la rivista trimestrale gratuita NATURART, edita in italiano e inglese dal 2010 con l’intento di valorizzare in Italia e all’estero le eccellenze e i tesori custoditi da Pistoia e dalla sua provincia. Naturart è media partner riconosciuto per gli eventi speciali di numerose istituzioni locali impegnate nella promozione del senso di orgoglio e di appartenenza a questo territorio.
spot_imgspot_img

Potrebbero interessarti anche

Napoli e Pistoia unite

Avvicinatevi alla Bellezza è il titolo che la Giorgio Tesi Group ha dato ad una collana editoriale che promuove e racconta, con testi ed...

Donne forti Il disegno della scultura

L’origine è il disegno!Begliomini, fin da ragazzo, osservando il mondo che agiva nel paese delle Piastre in cui è nato, inizia a rappresentarne graficamente...

Essere natura, anche mangiando

Essere natura, stabilire un rapporto diverso con l’ambiente in cui viviamo, più da vicini di casa, da coinquilini dello stesso pianeta, che non da...