Amanda Beth Krnach

 

Ridefinire il ruolo degli scarti tessili trasformandoli in accessori dal design originale, che siano, prima di tutto, funzionali. È questa la sfida sostenibile che Amanda Beth Krnach ha lanciato con i propri prodotti al mondo della moda.
Il progetto che ha dato vita al marchio Krnach è nato nel 2018 ed è cresciuto negli ultimi tre anni grazie ad un lavoro di continua ricerca. Nel proprio laboratorio di Agliana, attraverso un processo di riciclo creativo, Amanda conferisce nuova vita a scampoli di tessuti tecnici che, secondo la tradizionale filiera produttiva, sarebbero destinati allo smaltimento.
Ritagli, listelli, campionari, scarti non biodegradabili – recuperati direttamente dalle aziende tessili che producono per i marchi più conosciuti della moda italiana – diventano borse, pochette, shopper e collane.


Accessori ispirati all’ambiente urbano e al paesaggio, frutto di un meccanismo virtuoso che consente non solo di trasformare un rifiuto in risorsa – eliminando tutte le conseguenze economiche ambientali dello smaltimento – ma anche di evitare che vada disperso tutto lo slancio progettuale che c’è a monte della produzione. Spesso, infatti, all’interno delle collezioni, proprio gli articoli più innovativi, sia dal punto di vista tecnico che da quello estetico, faticano ad essere recepiti dal mercato. È anche da qui, dal recupero di un articolo rimasto invenduto, che ha inizio il processo produttivo che caratterizza il marchio Krnach. Il risultato è una collezione di pezzi unici, realizzati a mano e curati in ogni particolare.
La gamma dei tessuti impiegati è infinita: nylon, cotone, pelliccia sintetica, pile, lana e poliestere sono solo alcuni dei materiali che, selezionati e abbinati, danno vita ad un nuovo prodotto continuando a garantire comfort ed alte prestazioni. Tra gli elementi di recupero non ci sono solo tessuti, ma anche cerniere, etichette e complementi in vetro.
Perfettamente in linea con l’idea di produrre artigianalmente e commercializzare privilegiando la sostenibilità e la qualità, le confezioni degli accessori sono interamente realizzate in materiale riciclato o riciclabile e diventano parte di una nuova fase di vita del prodotto.

Testo a cura della Redazione

More from Discover Pistoia

Come fare la pasta fresca

Un laboratorio per imparare questa nobile arte, insieme allo chef Andrea Altobelli....
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *