Cinque appuntamenti sull’Appennino con “L’importanza di essere piccoli”

Foto Guido Mencari

Dal 2 al 6 agosto viaggio itinerante sull’Appennino Pistoiese: da Sambuca a Castagno arrivando fino a Porretta Terme.

“Tutti i giorni esco e cerco l’Altro sempre”. Parte da qui la sesta edizione del Festival “L’importanza di essere piccoli”, verso enigmatico e profetico del poeta Holderlin che connota la poetica e il senso di un progetto culturale nato nel 2011 da un’idea di Azzurra D’Agostino e Daria Balducelli dell’associazione SassiScritti e sostenuto da Regione Emilia-Romagna. Tanti gli artisti protagonisti, dai Comuni coinvolti alle associazioni culturali fino al teatro e persino i lavoratori della Saeco-Phillips di Gaggio Montano che hanno lavorato con SassiScritti.

Il filo rosso che lega queste proposte è l’attenzione e cura dei luoghi “marginali” intesi non solo come periferie, ma come condizioni esistenziali fragili e minoritarie, quindi potenzialmente cariche di una bellezza eversiva e innovatrice. Poesia e musica in luoghi ancora da scoprire, poesia come l’Altro che è in noi ma anche come l’altro che arriva da fuori e che l’arte continua a cercare con lo slancio del bambino che esplora il mondo. L’immagine scelta, quella di una cavalletta che si rispecchia in una figura aliena, ci rinnova l’antica promessa con il nostro essere più autentico, verso un’alterità fertile che fa accadere gli incontri e salda l’amicizia, qualcosa che oggi forse più che mai si rende urgente.

Ancora una volta SassiScritti sarà felice di accogliere dal 2 al 6 agosto gli ospiti nei luoghi del Festival, in una terra di mezzo fatta di castelli, pievi, boschi e borghi semi-abbandonati dell’Appennino. Mediatori tra il mondo e quei pianeti marziani evocati dalla poesia saranno come sempre i luoghi che permettono l’incontro tra artisti e pubblico, resi ancora più belli dalla cura e dalla dedizione degli abitanti, delle proloco, delle associazioni locali, che da settimane si preparano a questo appuntamento.

I cantautori Gnut, Iacampo, Motta, têtes de bois, Erica Mou si incontreranno per la prima volta con i poeti Nadia Augustoni, Giusi Quarenghi, Matteo Pelliti, Giovanni Nadiani, Alessandra Racca. Poesia e Musica arriveranno e si intrecceranno a Tresana, Castelluccio di Porretta Terme (BO) il 2 agosto, tra le sue case costruite con le pietre locali che sbucano dal bosco di castagni; tra le romantiche rovine del Castello di Sambuca Pistoiese (PT) il 3 agosto o nel festoso borgo di Castagno di Piteccio (Pistoia) che incontra la linea transappenninca della Porrettana il 4 agosto; presso l’antico e bellissimo borgo La Scola a Grizzana Morandi (BO) il 5 agosto e infine approdare sui prati del circolo culturale ippico Scaialbengo a Castel di Casio (BO) il 6 agosto per chiudere la rassegna.

More from Discover Pistoia

Pistoia Blues, Passenger incanta in piazza della Sala

Strepitosa performance unplugged nella serata di martedì 14 luglio.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *