Il Cammino di San Jacopo in Toscana

 

Nuova importante tappa in preparazione all’Anno Santo Compostelano del 2021. Sabato 1 e domenica 2 febbraio si svolgerà l’iniziativa “Pellegrinaggio di Confraternita, dal Volto Santo a San Jacopo sul Cammino di San Jacopo in Toscana”, un percorso a piedi di 55 chilometri che partirà da Lucca, farà tappa a Pescia e poi proseguirà e si concluderà a Pistoia. L’evento rientra nelle iniziative de Il Cammino di San Jacopo in Toscana,  percorso che lega la città di Pistoia con Santiago di Compostela.

«Si tratta di un importante appuntamento che dà il via ufficiale alle iniziative jacopee per l’Anno Santo – ha dichiarato l’assessore alle tradizioni e turismo Alessandro Sabella –, che segue il posizionamento, avvenuto lo scorso 23 novembre all’intersezione tra piazza del Duomo e via degli Orafi, del cippo segnavia con la distanza per Santiago donato dalla Xunta di Galizia, suggellando una profonda amicizia e unione simbolica con la città di Santiago di Compostela. Pistoia con la sua storia antica e i suoi sentieri, anch’essa crocevia di cammini, si pone, così, come un territorio dove è possibile fare questa esperienza prima di affrontare il percorso, più impegnativo, verso Santiago».

Il percorso, organizzato dalla Confraternita di San Jacopo di Compostella di Perugia (Capitolo Toscano), partirà dalla cattedrale di San Martino a Lucca per concludersi alla cattedrale di San Zeno a Pistoia. Di grande fascino e valore spirituale, la tappa Lucca-Pistoia fa parte di un più ampio itinerario jacopeo che da Firenze e dal centro Italia porta a Lucca e poi verso la Francia e la Galizia. Nell’arco di 55 chilometri, percorribili in 2 giorni, i partecipanti, circa un’ottantina provenienti da tutta Italia, incontreranno – lungo il cammino – una trentina di chiese e monasteri, innumerevoli tabernacoli, edicole, colonne e croci votive che da secoli sono testimonianza tangibile di pellegrinaggi. Questo breve ma significativo cammino evoca un ideale collegamento tra il Volto Santo custodito nella Cattedrale di Lucca – un crocifisso ligneo che la leggenda definisce come un’immagine acheropita venerata fin dal Medioevo – e San Jacopo, l’apostolo Giacomo il Maggiore la cui reliquia si trova nella Cattedrale pistoiese.

 

Al termine del percorso del primo giorno (primo febbraio), i pellegrini faranno sosta a Pescia quale tappa intermedia che prevede il passaggio dalla Porta Santa della Cattedrale, in cui si tiene il Giubileo per i 500 anni della Diocesi.

Il pellegrinaggio si concluderà il giorno successivo (domenica 2 febbraio) a Pistoia dopo la celebrazione della Santa Messa nella Cattedrale di San Zeno, occasione nella quale i pellegrini riceveranno per primi la “Jacopea”, un documento redatto in latino, del tutto simile alla “Compostela” rilasciata a Santiago, che attesta l’avvenuto pellegrinaggio ad Limina Sancti Jacobi nella Santiago Minor.

La “Jacopea”, un documento redatto in latino, del tutto simile alla “Compostela” rilasciata a Santiago, che attesta l’avvenuto pellegrinaggio ad Limina Sancti Jacobi nella Santiago Minor.

I cittadini pistoiesi sono invitati ad accogliere i pellegrini alle ore 17.15 circa in piazza del Duomo. Dopo questa prima esperienza, nel 2020 sono in programma altri pellegrinaggi lungo il “Cammino di San Jacopo in Toscana” – i cui programmi potranno essere consultati sul sito web www.ilcamminodisanjacopo.it  – in preparazione all’Anno Santo Compostelano del 2021.

More from Discover Pistoia

Piantala!

Brillante, critico al punto giusto e quasi tecnico.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *