Le opere di Franco Cappelli in una mostra alla San Giorgio

Le opere di Franco Cappelli in una mostra alla San Giorgio

Dal 5 al 20 febbraio alla Biblioteca San Giorgio con l’organizzazione della Brigata del Leoncino.

Sarà inaugurata venerdì 5 febbraio alle 17 alla Biblioteca San Giorgio la mostra “Suggestioni. Omaggio a Carlo Scarpa” di Franco Cappelli. L’esposizione, che sarà visitabile fino al 20 febbraio, è organizzata dalla Brigata del Leoncino a cura di Alessandro Mannelli e Siliano Simoncini. All’inaugurazione interverranno Massimo Biagi Miradario e Domenico Asmone, oltre ai due curatori.

Franco Cappelli ha iniziato a dedicarsi alla pittura alla fine degli anni ’60 nel clima culturale della scuola pistoiese di orientamento figurativo e, particolarmente, è attratto dalle esperienze di derivazione espressionista; corrente rappresentata con eccellenza dall’artista Alfiero Cappellini.

La ricerca di un linguaggio essenziale e sintetico, che gli consentisse di rifuggire il rischioso accademismo, lo porta sempre più a prendere le distanze dalla realtà, fino a trasporla nell’ambito dell’astrazione. Così, il periodo che va dagli anni sessanta agli ottanta, costituisce un fervido momento creativo il cui riscontro è ben tangibile in opere basate sia sull’equilibrio compositivo quanto sulle sue scomposizioni. Al contempo s’interessa all’uso di nuovi materiali e ciò lo porta a rigenerare le proprie tipologie formali con ricchezza di varianti. Dagli anni ’80 abbandona gradatamente la figura e l’immagine della realtà per dedicarsi esclusivamente all’astrazione schematica e rigorosa, che lo induce, agli inizi degli anni duemila a fare riferimento esclusivo alle morfologie di derivazione geometrica che a tutt’oggi caratterizzano le sue opere.

Più che dipinti dunque, oggetti/scultura, strettamente legati alla cultura del progetto che il razionalismo storico ha lasciato in eredità. Insegnamento interpretato dall’artista secondo il principio che la geometria è parte della nostra vita: dalla crescita delle città, al mondo degli oggetti, fino alle forme della stessa natura. Da qualche tempo il suo tema di riferimento è, per l’appunto, legato alla rappresentazione geometrico/simbolica della città:composizione, tracciati, vettori, colore, e soprattutto la luce, divengono gli elementi peculiari della grammatica visiva che qualifica la sua opera.

More from Discover Pistoia

La montagna pistoiese per gruppi. L’itinerario per una vacanza di lusso

Alla scoperta della Montagna Pistoiese per una vacanza di lusso ed in...
Read More