NATURART TALK, gli ambasciatori della letteratura green a Pistoia, città dal cuore verde

Gli ambasciatori della letteratura green a Pistoia per un evento in grado di coinvolgere l’intera città sulle istanze legate alla sostenibilità. È NATURART TALK, evento nato dalla collaborazione tra Giorgio Tesi Group e laFeltrinelli di Pistoia, in programma sabato 17 settembre alle ore 18 presso piazza della Sala trasformata, per una sola volta all’anno, in un grande giardino. Nell’occasione presentazione e distribuzione gratuita del 43° numero della rivista Naturart, che da 12 anni anni porta Pistoia nel mondo e il mondo a Pistoia.

Ad animare la tavola rotonda, coordinata dall’autore e volto tv Federico Quaranta , l’attore e paladino delle pratiche green Alessandro Gassmann (in collegamento da remoto a causa di impegni cinematografici), la scrittrice Annalisa Corrado, ecologista esperta in transizione ecologica e attivista per la giustizia climatica, Antonio Pascale, scrittore, saggista e ispettore del Mipaaf, candidato al Premio Strega 2022 e finalista al Premio Campiello, Massimo Mercati, amministratore delegato di Aboca, Fabrizio Tesi, legale rappresentante della Giorgio Tesi Group, e Giovanni Capecchi, direttore editoriale della rivista quadrimestrale bilingue NATURART.

L’evento, a ingresso libero, è organizzato nell’ambito della nuova edizione di Un Altro Parco in Città, manifestazione che da 10 anni per un weekend celebra il cuore verde della città: oltre 2mila metri quadrati di erba ricoprono piazza della Sala e piazza degli Ortaggi, popolate per due giorni da alberi e piante fiorite, grazie alla collaborazione con Giorgio Tesi Group, azienda vivaistica leader in Europa per le piante ornamentali. A osservare dall’alto la due giorni, una delle grandi teste fiorite realizzate dall’artista Michele Fabbricatore, monumento alla natura e alla creatività. La scultura – alta più di 2 metri – troverà temporaneamente spazio in piazza della Sala, dove si svolgeranno la maggior parte delle attività dedicate a grandi e piccoli, tra cui tra cui i laboratori didattici NATURART KIDS, per bambini tra i 3 e i 10 anni, in programma domenica 18 settembre dalle 10 alle 12, sul tema della consapevolezza dell’importanza del verde e della scoperta del territorio.

Proprio sul coinvolgimento della società civile nella battaglia per la sostenibilità punta il libro “Io e i #GreenHeroes. Perché ho deciso di pensare verde” (Piemme), di Alessandro Gassmann. “I nostri GreenHeroes – dichiara Gassmann – sono donne, uomini e collettivi in grado di proporre strumenti per cambiare le abitudini di ciascuno, facendo in modo che ognuno possa aprirsi sempre di più alla sostenibilità come stile di vita e riuscire a discernere cosa è veramente green da cosa è, semplicemente, ammantato di greenwashing”.

Fondamentale il ruolo delle donne in questo processo, secondo Annalisa Corrado, autrice di “Le ragazze salveranno il mondo. Da Rachel Carson a Greta Thunberg: un secolo di lotta per la difesa dell’ambiente” (People). “Credo profondamente – sottolinea – che il ruolo delle donne nella transizione ecologica sia cruciale. Dopo secoli di esercizio pressoché obbligato delle funzioni di cura della famiglia, dei più fragili, delle comunità, gran parte delle donne ha saputo trasformare un’abitudine in attitudine, sviluppando talenti fondamentali perché nessuno venga lasciato indietro e perché non si commettano di nuovo gli errori del passato, non considerando gli effetti collaterali delle proprie azioni”.

Ma a giocare il ruolo da protagonista nella partita del futuro saranno soprattutto le nuove generazioni. “Pensando a loro – commenta Massimo Mercati, amministratore delegato di Aboca, azienda leader nella fitofarmaceutica che da tempo ha puntato sull’editoria in ambito ambiente – abbiamo scelto di lanciare il progetto Aboca Kids, una collana di libri per bambini e ragazzi. Alla fine del 2022 proporremo i primi 5 titoli, che affrontano tematiche legate alla biodiversità, al mondo vegetale e a quello animale. Non è mai troppo presto per capire che l’uomo è parte della natura, e non ne è il padrone”.

Una tematica che affronta anche Antonio Pascale, ne “La foglia di fico. Storie di alberi, donne, uomini” (Einaudi), candidato al Premio Strega 2022, romanzo composto da 10 racconti che analizzano diversi aspetti connessi al rapporto tra uomo e natura. Relazione complessa e non sempre idilliaca: “La conoscenza è la nostra salvezza, o comunque, conoscendo, almeno non ci annoiamo”, chiosa l’autore.

 

“Siamo molto orgogliosi di questa collaborazione con laFeltrinelli – dichiara Fabrizio Tesi –  auspicando che sia l’inizio di un percorso di più ampio respiro. Con l’attività che portiamo avanti giorno dopo giorno come azienda vivaistica, vogliamo attirare strategie e interventi che tutelino l’ambiente in maniera attiva. Per questo ogni anno sviluppiamo un programma di miglioramento interno, continuando sulla strada che ci ha portato ad essere la prima azienda europea di questo settore a ottenere la prestigiosa certificazione EMAS. Lo spirito di appartenenza che da sempre contraddistingue la nostra famiglia ci spinge anche a impegnarci quotidianamente per restituire al territorio una parte di quello che negli anni ci ha offerto, attraverso iniziative rivolte alla comunità – e in particolare ai più piccoli – con lo scopo non solo di promuovere le eccellenze che caratterizzano la nostra città e le zone limitrofe, ma anche la sostenibilità, la cultura, lo sport e i progetti sociali”.

Proprio in questo solco nasce la rivista NATURART. “Sono 12 anni e 43 numeri – dichiara il direttore editoriale Giovanni Capecchi – che questa rivista bilingue edita da Giorgio Tesi Editrice porta Pistoia nel Mondo e il Mondo a Pistoia. Una scommessa vinta da parte di un’azienda che per prima e con grande coraggio ha creduto sia nell’importanza di legare il proprio brand al territorio, lavorando per la sua valorizzazione a livello internazionale, anche attraverso l’organizzazione di eventi come questo, che porta nella nostra città alcuni importantissimi personaggi a parlare di sostenibilità e rispetto ambientale”.

More from Discover Pistoia

La Pieve che guarda le valli

Secondo la tradizione, fu la contessa Matilde di Canossa a farla edificare intorno...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *