Il verde pistoiese protagonista alla Milano Design Week

Nell’Anno Leonardiano, in cui si celebrano i 500 anni dalla scomparsa del Genio di Vinci, Giorgio Tesi Group ha portato a Milano il verde toscano per il progetto “I Giardini di Leonardo”, nell’ambito della Milano Design Week. Eco- design e arte sono i temi proposti dalla 19/esima edizione del programma Green Island, che ha saputo costruire negli anni una rete di oltre 100 realtà pubbliche e private, tra cui autori, architetti, storici dell’arte, amministrazioni pubbliche e fondazioni. “I Giardini di Leonardo” si sono sviluppati nell’area compresa tra piazza Gae Aulenti e il Quartiere Isola, uno dei più frizzanti sulla scena milanese. Il progetto, ideato dalla storica dell’arte e appassionata di giardini Claudia Zanfi, in partnership con Giorgio Tesi Group, ha reso omaggio al grande maestro, traendo ispirazione dai giardini presenti nelle sue opere pittoriche, ripensati in chiave contemporanea.

Il progetto ha coinvolto giovani artisti e designer nella realizzazione di installazioni green e materiali naturali, con l’obiettivo di ricreare un dialogo tra la memoria dei  luoghi e la creatività. Per tutta la durata della Milano DesignWeek attraversare la zona di Isola ha significato immergersi in un inedito percorso nella natura, con piante di varie tonalità di verde e diversi profumi. Tra gli autori chiamati a interpretare I Giardini di Leonardo da Claudia Zanfi, anima verde della Milano Design Week anche l’artista Michele Fabbricatore, che ha già all’attivo importanti collaborazioni con la Giorgio Tesi Group all’interno dell’ambizioso progetto Giorgio Tesi eARTh “Growing Creativity”. A Milano è arrivata un’imponente installazione-scultura creata da Fabbricatore per Giorgio Tesi, con aiuole fiorite e un giardino mediterraneo di ispirazione leonardesca. L’opera, alta oltre 4 metri, è una grande testa stilizzata, metafora per raccontare che la nostra mente è come una pianta e come tale può essere nutrita, e dare ‘frutti’, con l’essere umano che può così giungere alla sua ideale ‘fioritura’, che è quel luogo, interiore ed esteriore, dove offre il meglio di sé.

I Giardini di Leonardo hanno rappresentato in questo senso una nuova tappa di un percorso già avviato dal gruppo Giorgio Tesi con “Il giardino della Mente” e diretto a stimolare il rispetto per l’ambiente, il senso di appartenenza alla comunità, il rapporto dell’uomo con la natura, stavolta attraverso le opere di Leonardo da Vinci. Un obiettivo che si coniuga di volta in volta per coinvolgere adulti, bambini e famiglie: nel programma della kermesse milanese infatti, si sono svolti laboratori didattici per grandi e piccoli sul tema della flora e della botanica, ma anche aperitivi bio e visite guidate alle installazioni.

Questo importante progetto è stato realizzato in collaborazione con IDD – Isola Design District e prestigiose istituzioni pubbliche e private, tra cui: Comune di Milano, Regione Lombardia, Polidesign, FAI (Fondo Ambiente Italiano), Legambiente, Legno Urbano, Atelier del Paesaggio e BikeMI, contando su importanti media partner come Artribune, Zero, Gardenia, etc…

Testo Lorenzo Baldi

Foto Nicolò Begliomini

 

More from Discover Pistoia

I pinguini che arrivano dal caldo

Giunti dall’Africa, sembra quasi uno scherzo ma è realtà.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *