Ultime notizie:

Il giorno della cicogna, visita guidata sabato 1 giugno ore 9-11

Natura in Toscana di Enrico Zarri organizza una visita...

Ultime notizie:

Il giorno della cicogna, visita guidata sabato 1 giugno ore 9-11

Natura in Toscana di Enrico Zarri organizza una visita...

BIODIVERSITA’ ORNAMENTALE a Pistoia

L’Italia vanta la presenza 6.700 specie di piante, la...

A Pistoia Giornata Internazionale dei Musei

Venerdì 17 maggio, alle 17 a Palazzo Fabroni la...

Cinquant’anni e non sentirli

Una delle associazioni più attive e più longeve della Valdinievole e del territorio pistoiese è sicuramente l’Associazione culturale Buggiano Castello (ACBC), che prende il nome dal borgo medievale omonimo, dove fu fondata il 25 novembre del 1972 da un gruppo di 26 soci guidati da Enrico Coturri, docente di Storia della medicina presso l’Università di Firenze, appassionato cultore di storia e organizzatore culturale innamorato di Buggiano Castello e della sua comunità. In realtà la denominazione originaria fu “Pro Buggiano Castello”, trasformata poi in ACBC nel 1987, con un nuovo statuto in cui si evidenziava la finalità prioritaria dell’Associazione: “promuovere la conoscenza della Valdinievole in generale e del paese di Buggiano in particolare, con riferimento soprattutto alla conservazione e valorizzazione del suo patrimonio culturale, storico e architettonico”.

L’Associazione Culturale Buggiano Castello festeggia quest’anno i 50 anni di attività nella promozione e valorizzazione dell’antico borgo medievale e del suo patrimonio storico, artistico e culturale

Seguirono altri due aggiornamenti statutari, il 30 aprile 2001 e il 7 gennaio 2020, per adeguarsi all’evoluzione della legislazione in materia di volontariato, fino alla recente trasformazione in APS (Associazione di Promozione Sociale), rientrante nell’ambito degli ETS (Enti del Terzo Settore). I cambiamenti di natura formale possono sembrare solo aspetti burocratici, ma hanno consentito all’ACBC di crescere in sintonia con i tempi, recependo le nuove normative e quindi, ad esempio, gli strumenti di rendicontazione e di accesso ai bandi, essenziali per finanziare le attività. La costante fondamentale nella vita dell’ACBC è stata, nel susseguirsi delle generazioni, la presenza di un gruppo di persone (non solo abitanti nel borgo), fortemente motivate a continuare l’opera dei fondatori attraverso un impegnativo volontariato culturale per la tutela e valorizzazione del paese e del territorio circostante, nell’ottica del bene comune e dello spirito di comunità. Questo ha consentito, nei decenni, la realizzazione di innumerevoli progetti con moltissimi partner privati ed istituzionali, tra i quali vanno almeno ricordati il Comune di Buggiano e la Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. L’impegno per il paese si è concretizzato nella progettazione e nel cofinanziamento di vari interventi: il recupero di antiche vie acciottolate, le formelle in terracotta invetriata con il nome delle strade e dei giardini, i restauri dell’Oratorio di santo Stefano in Campioni, della scala interna del campanile della badia, della torre dell’orologio, di Porta san Martino, della porzione nord del Palazzo Pretorio, di parti del tetto della badia di santa Maria. Oggi, il recupero (almeno parziale) di quest’ultimo edificio storico, da molti anni inagibile, la sua valorizzazione e gestione futura sono gli obiettivi che l’ACBC si è assegnata, in collaborazione con la Curia di Pescia e la Parrocchia di Buggiano.

La storia locale, nel quadro di quella regionale e nazionale, è da sempre uno degli ambiti principali dell’attività dell’Associazione, concretizzatosi in 42 convegni sulla storia della Valdinievole e nella pubblicazione degli Atti relativi, con il sostegno del Comune di Buggiano e in collaborazione con l’Istituto storico lucchese. Il convegno fu ideato nel 1978 da Enrico Coturri, fondatore e presidente dell’Associazione fino al 1999, e l’annuale giornata di studi storici è ora dedicata alla sua memoria. Il prossimo convegno sarà tenuto il 28 maggio e avrà come tema “Il luogo della storia. Cinquant’anni di cultura storica in Valdinievole”.

Buggiano Castello è noto anche come il Borgo degli Agrumi, per la presenza negli orti-giardini privati e negli spazi pubblici di rigogliose piante di limoni a spalliera e di molte altre varietà di agrumi

Buggiano Castello è noto anche come il Borgo degli Agrumi, per la presenza negli orti-giardini privati e negli spazi pubblici di rigogliose piante di limoni a spalliera e di molte altre varietà di agrumi. Dal 1997 si svolge, con cadenza ora biennale, “La campagna dentro le mura”, ovvero l’apertura, in due fine settimana primaverili, dei giardini privati di Buggiano Castello. Quest’anno avverrà il 30 aprile e l’1, 7 e 8 maggio, solo su prenotazione e in gruppi guidati. La manifestazione richiama migliaia di visitatori, a cui si aggiungono nel resto dell’anno le visite organizzate da vari garden club italiani. Da sempre l’Associazione ha organizzato concerti di ensemble e solisti classici, ma anche di musica corale, di bande, di gruppi jazz e rock. Ha promosso l’attività di giovani concertisti, in collaborazione con i conservatori di Firenze e Lucca, con l’istituzione del “Premio Buggiano Castello 1° concerto”, divenuto poi “Premio Boris Christoff”, in memoria del celebre cantante lirico bulgaro che visse a Buggiano Castello.

Dal 1997, con cadenza biennale, di svolge “La campagna dentro le mura”, ovvero l’apertura, in due fine settimana primaverili, dei giardini privati del paese

E’ degli ultimi anni il progetto “Oltremusica”, in collaborazione con la Pro-musica di Pistoia, con la direzione artistica del maestro Fabrizio Datteri.

Molte altre sono le proposte culturali realizzate negli anni, dalle conferenze agli spettacoli teatrali, dalla proiezione di film e documentari alle mostre e ai corsi di arti figurative, al recente convegno dantesco.

Per gli aggiornamenti su tutte le iniziative in programma si rinvia al sito buggianocastello,.it.

Testo Filiberto Segatto – Associazione Culturale Buggiano Castello

Sponsored by:

spot_img

Eventi

maggio, 2024

Discover Shop

spot_img

Don't miss

A Ghali il premio Paesaggio in*canto, Sanremo 2024

La serata del 9 Febbraio 2024, nella serra di...

PISTOIA GREEN BASKET TOWN

Lunedì 22 aprile si è celebrato il “World Earth...

’60 Pop Art Italia

La Pop Art è un fenomeno prettamente metropolitano: nasce...

Sono UNICO, sono MINACCIATO e tu puoi AIUTARMI!

Le foreste del Vietnam sono così ricche di specie...
Naturart
Naturart
Pubblicazione di punta della Giorgio Tesi Group è la rivista trimestrale gratuita NATURART, edita in italiano e inglese dal 2010 con l’intento di valorizzare in Italia e all’estero le eccellenze e i tesori custoditi da Pistoia e dalla sua provincia. Naturart è media partner riconosciuto per gli eventi speciali di numerose istituzioni locali impegnate nella promozione del senso di orgoglio e di appartenenza a questo territorio.
spot_imgspot_img

Potrebbero interessarti anche

Pistoia palcoscenico del grande cinema

La città di Pistoia, capitale del verde e conosciuta in tutto il mondo per il vivaismo di piante ornamentali, ha avuto recentemente un’importante vetrina...

La rinascita di Aliano

Aliano è un piccolo paese della Basilicata, in provincia di Matera, arrampicato su un colle argilloso alto circa 550 metri e circondato da un...

A Ghali il premio Paesaggio in*canto, Sanremo 2024

La serata del 9 Febbraio 2024, nella serra di Villa Nobel a Sanremo, nell’ambito di Oltre Il Festival, è stata la culla cheha accolto...