Con il nuovo impianto alla Doganaccia si può sciare di notte

1920x609 piste doganaccia
Skiing in Pistoia: everything you need to know

Inaugurata la nuova sciovia Faggio di Maria: ora si potrà sciare anche di notte alla Doganaccia

Adesso la Doganaccia è davvero pronta a valorizzare il territorio, e valorizzarsi in autonomia, per tutti i periodi dell’anno. Perché la nuova sciovia a servizio della pista Faggio di Maria consente quello che finora non era possibile negli ultimi anni: sciare di notte nella località appenninica al confine fra Toscana ed Emilia Romagna nel comune di Cutigliano.

Il taglio del nastro è stato al rifugio Bicocca, ma quel che più interessa era la neve che fioccava sulle piste da sci di Doganaccia e l’effettivo utilizzo del nuovo skilift che, riprendendo lo stesso tracciato, va a sostituire quello che già era stato costruito nel 1978. In questo caso è stato possibile realizzare questa importante opera, che serve per ammodernare gli impianti di risalita del comprensorio, grazie al cofinanziamento della Regione Toscana di 400.000 euro e adesso la società “Doganaccia2000” lo dona all’Unione dei Comuni.

faggio dimaria

Il nuovo impianto di risalita al Faggio di Maria 

Un nuovo impianto che consentirà il perfetto utilizzo anche di questa pista che è l’unica in Toscana omologata per poter scendere anche di notte e quindi una chance di sviluppo turistico notevole per la nostra montagna.

“Un altro tassello – ha dichiarato durante la presentazione l’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo – del percorso di rilancio e valorizzazione della nostra montagna: con questo intervento il comprensorio si dota di un strumento moderno e più sicuro, con la novità di poter essere attivo anche nei periodi estivi e poter così allungare e migliorare i periodi di fruizione della montagna in base alle esigenze”.

PER SAPERNE DI PIU’

La Doganaccia e la sua crescita: se ne parla su NATURART

redazione discover

 

 

More from Discover Pistoia

Sull’Appennino tra sport e fede

Trekking e pellegrinaggio sulle tracce di San Bartolomeo.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *