Innescare energia nella comunità: presentazione Naturart n°47 e celebrazione progetto Pistorienses.

Venerdì 19 gennaio alle ore 19.00 alla Biblioteca San Giorgio di Pistoia ci sarà la presentazione di Naturart n°47 e la celebrazione del progetto Pistorienses. Ritratti classici, racconti contemporanei.

Ad un anno esatto dalla fine della mostra nelle Sale Affrescate del Palazzo Comunale di Pistoia, il progetto fotografico a cura di Nicolò Begliomini con testi di Lucia Agati, è arrivato a raccontare circa 100 volti di personaggi che grazie al loro impegno in ambiti assai diversi tra loro, contribuiscono o hanno contribuito a rafforzare l’identità e l’unicità di Pistoia e questo grazie anche al fatto che i “nuovi” Pistorienses sono stati raccontati ogni mese sul magazine Discover Pistoia, sulle pagine del quotidiano La Nazione, sul quadrimestrale Naturart e sul sito del progetto.

Pistorienses. Ritratti classici, racconti contemporanei ha permesso di entrare nella comunità conoscendo e facendo conoscere le persone e le loro storie riuscendo nel difficile compito di creare anche importanti sinergie in grado di portare benefici sia alla comunità stessa che al territorio.

Una modalità di racconto che Giorgio Tesi Editrice farà sua anche in futuro proprio per l’unicità e la riconoscibilità che la contraddistingue, continuando a raccontare, con le foto di Nicolò Begliomini, le persone e le loro storie, anche allargando un po’ lo sguardo verso un territorio più ampio.

Per festeggiare il primo compleanno del progetto e per rafforzarne ulteriormente il concetto, presso la Biblioteca San Giorgio di Pistoia – una delle eccellenze cittadine e uno dei luoghi che più identifica la comunità pistoiese – si svolgerà venerdì 19 gennaio alle ore 19.00 l’evento “Innescare energia nella comunità che vedrà la partecipazione di Benedetta Donato – curatrice e critica della fotografia, del celebre fotografo di fama mondiale Maurizio Galimberti e dell’ avvocato Florinda Saieva, co-fondatrice insieme al marito Andrea Bartoli del Farm Cultural Park a Favara (Agrigento) e presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi.

Grazie alla collaborazione con la critica e curatrice fotografica Benedetta Donato, già a Pistoia nell’occasione della Mostra Fotografica sull’Altare Argenteo, è stato individuato proprio in Maurizio Galimberti il personaggio ideale per un confronto sul ritratto, genere che l’artista ha sviluppato con la sua celebre tecnica del mosaico e che l’ha reso famoso in tutto il mondo. Galimberti scompone volti e figure umane, per poi andarli a ricomporre in un puzzle di frammenti unici e irripetibili, proprio come lo sono i suoi ritratti.

Florinda Saieva, co – fondatrice del meraviglioso Farm Cultural Park di Favara, arriva a Pistoia sia per parlare di questa importante e positiva realtà culturale siciliana che ha saputo generare fiducia, speranza e voglia di cambiamento in un contesto molto difficile come quello di Favara, che per ribadire che questo genere di iniziative sono davanti agli occhi di tutti a dimostrare inequivocabilmente che le cose, se si vuole, possono accadere…. Un progetto importante che nel tempo si è evoluto in una piattaforma culturale per il cambiamento che ha consentito la realizzazione di un qualcosa fino a poco tempo prima addirittura impensabile e che deve essere un esempio da seguire per altre realtà.

Durante l’evento, previsti gli interventi anche del fotografo e ideatore del progetto Nicolò Begliomni e dell’autrice dei testi a corredo degli scatti, la giornalista pistoiese de “La Nazione” Lucia Agati. Al termine è prevista prima un’apericena, con parte dell’incasso devoluto per il ripristino della biblioteca di Quarrata recentemente devastata dall’alluvione che ha colpito la cittadina del mobile e poi per chiudere, l’esibizione del gruppo musicale dei Piqued Jacks, gruppo musicale formato nel 2006 a Buggiano  (Pistoia) composto da E-King (voce, pianoforte, sintetizzatore), Majic-o (chitarra), littleladle (basso) e HolyHargot (batteria). Nel 2023 hanno partecipato alla seconda edizione di Una voce per San Marino, dove hanno presentato l’inedito Like an Animal. Nella serata finale la giuria li ha incoronati vincitori, rendendoli di diritto i rappresentanti del Titano all’Eurovision Song Contest 2023 a Liverpool.[4] dove si sono esibiti durante la seconda semifinale della manifestazione europea.

Al termine dell’incontro, la parola andrà al Prof. Giovanni Capecchi, Direttore editoriale del quadrimestrale NATURART che presenterà il 47° numero di questo periodico bilingue – che nell’occasione sarà distribuito a tutti i partecipanti – che da oltre 13 anni racconta Pistoia e il territorio che la circonda a oltre 60 paesi nel mondo. Un numero speciale, con un restyling della testata, con una copertina appositamente realizzata dal designer pistoiese di fama mondiale Johnatan Calugi per festeggiare i 50 anni di attività di Giorgio Tesi Group che al suo interno presenta tanti interessanti articoli tra cui segnaliamo un testo sull’importanza del rapporto tra uomo e natura di Mia Canestrini, divulgatrice RAI e zoologa, due prestigiose interviste all’Architetto Stefano Boeri, autore del masterplan della Valdinievole e a Maurizio Martina, vice direttore generale della FAO, sentito nell’occasione della presentazione a Roma della Libreria degli alberi della FAO, che vede protagoniste le piante pistoiesi di Giorgio Tesi Group. Per quanto riguarda arte e cultura spazio alla nuova installazione “Il giardino Incantato” di Pistoia Musei, al Farm Natural Park di Favara, ad un meraviglioso affresco presente nel Palazzo Amati Cellesi nel centro di Pistoia e alle splendide opere di Galileo Chini a cui Montecatini Terme ha dedicato anche una mostra. Uno speciale è dedicato anche al 50° compleanno di Giorgio Tesi Group, con un pezzo storico a cura del Professor Carlo Vezzosi e un’intervista a Marco Cappellini, Direttore generale dell’azienda vivaistica pistoiese.

Gli ospiti dell’evento:

Florinda Saieva, cresciuta tra i cantieri edili, negli anni ha maturato una forte passione per l’architettura e il design e nonostante gli studi giuridici ha trasformato questa passione in un vero e proprio lavoro. Difensore del vincolo, più giovane tra 6 sorelle, nel 2005 sposa Andrea Bartoli con il quale già qualche anno prima aveva iniziato ad organizzare diversi eventi culturali, ed è stato proprio nel giugno del 2005 che promuovono l’evento Terry Richardson in Sicilia, e in collaborazione con Damiani Editori e le due gallerie di Palermo e Catania rispettivamente di Francesco Pantaleone e Rosa Anna Musumeci, con organizzazione e gestione dell’evento di Farm Cool Hunting, si realizzano due delle più importanti serate artistico-mondane-culturali dell’ultimo decennio in Sicilia.
Nel mese di giugno del 2010 insieme al marito fonda a Favara (Agrigento), Farm Cultural Park, Parco Culturale e Turistico Contemporaneo riconvertendo vecchi edifici abbandonati, in luoghi dove poter ammirare arte contemporanea tra un talk sull’innovazione sociale e un drink in una terrazza sul centro storico di Favara. Farm Cultural Park, Centro Culturale di nuova generazione, vincitore di innumerevoli premi tra cui nel 2011 il Premio di Gestione indetto da Federculture; invitato nel 2012 e nel 2016 alla Biennale di Architettura di Venezia e pubblicato nei più importanti media nazionali ed internazionali come The Guardian Vogue, nasce dalla loro “follia”, dalla volontà testarda di non trasferirsi all’estero e restare in Sicilia, di scegliere di non lamentarsi per ciò che non funziona ma di diventare protagonisti del cambiamento. Per restituire ai loro figli e alle successive generazioni un piccolo pezzo di mondo migliore di quello che hanno ricevuto. Dal 21 marzo 2023 è Presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi.

 

Maurizio Galimberti

Nato a Como nel 1956, conosciuto come Instant Artist, Galimberti ha reinventato il genere del ritratto, immortalando artisti e personaggi della cultura internazionale. Ritrattista ufficiale di diverse edizioni del Festival del Cinema di Venezia, realizza il ritratto di Johnny Depp, che il Times Magazine pubblica in copertina nel 2003, facendo conoscere la sua arte in tutto il mondo. A distanza di 13 anni, il volto scomposto dell’attore viene pubblicato sulla copertina di Portraits (Silvana Editoriale, 2016), il primo volume antologico sui ritratti realizzati da Galimberti nel corso della sua carriera.

Maurizio Galimberti segue idealmente il metodo del pioniere della fotografia Nadar (1820-1910), i cui ritratti avevano sempre lo scopo di entrare in empatia con la persona fotografata, di andare oltre le apparenze e di svelarne i segreti più reconditi. Non si tratta di una riproduzione plastica o di una fotocopia artistica del soggetto, ma di andare a ricercare e a riportare una somiglianza più intima, capace di trasmettere e di far intravedere il carattere della persona.

Grande sperimentatore, incontra i vertici dell’azienda Polaroid con i quali studia una modalità di utilizzo del Collector – un accessorio in dotazione alla famosa fotocamera, fino a quel momento utilizzato per la duplicazione e la catalogazione di piccoli oggetti – per ottenere una variante dello strumento esistente, che gli consenta di fotografare ad una distanza molto ravvicinata, riprendendo i dettagli nella loro dimensione naturale.  Da sinistra verso destra, dall’alto verso il basso, Galimberti instaura un contatto fisico con i propri soggetti, avvolgendoli con la sua Polaroid e imprimendo sulla pellicola, ogni singola porzione dei loro volti, in frammenti che andrà a ricomporre, esattamente come si fa con le tessere di un puzzle. Con la fine della produzione Polaroid nel 2008 e pur con la difficile ripresa, un po’ sperimentale, della produzione da IMPOSSIBLE, la carenza di pellicole ha portato Galimberti ad utilizzare sempre più pellicole Fuji. Dal settembre 2017 è Instant Artist ufficiale Di Fuji Italia (progetto Instax Square). Sempre con Fuji Instax Square, dal 2019, si dedica a una nuova tecnica fotografica, con la realizzazione della “Matrice Fuji Instax Square”, che poi viene scomposta a mosaico.

Benedetta Donato

Curatrice e critica di fotografia, si occupa di progetti espositivi ed editoriali in ambito di cultura visiva. Dopo aver studiato Sociologia dell’Ambiente e del Territorio presso La Sapienza Università di Roma, perfeziona gli studi alla Université Sorbonne Nouvelle Paris 3. A Parigi approfondisce la storia e la critica della fotografia contemporanea, dedicandosi esclusivamente all’attività curatoriale. Nel 2010 viene inserita all’interno della lista dei Consulenti Esperti dell’ICCD – Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del MiC – Ministero della Cultura. Dallo stesso anno è presidente di pianoBI. Dal 2012 è membro di Progetto Donne e Futuro, per cui rappresenta la sezione Donne e Arte. Tra le realtà con cui ha collaborato: Giart – società di produzione che ha ideato la serie di film documentario Fotografia Italiana, distribuita da Contrasto; Istituto dell’Enciclopedia Treccani per cui si è occupata della sezione Fotografia Contemporanea Giapponese, destinata all’opera Enciclopedia dell’Arte Contemporanea, in pubblicazione nell’anno 2021. Ha inoltre curato mostre e pubblicazioni fotografiche per diversi autori, tra cui: Maurizio Galimberti Paesaggio Italia (2013) and Portraits (2016), Francesco Faraci Malacarne (2016), Giuseppe Mastromatteo, Humanscape (2018), Nicola Tanzini TokyoTzukiji (2018), AA.VV. #18Explorations (2018), Alberto Gandolfo Quello che resta (2019), Romano Cagnoni La Rivelazione Umana (2019) e molte altre. Lettore portfolio, membro di giuria e nominator in manifestazioni di settore nazionali ed internazionali, è contributing editor per la rivista IL FOTOGRAFO. Benedetta è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Romano Cagnoni e Direttore del Romano Cagnoni Award.

Piqued Jacks

I Piqued Jacks, gruppo musicale italiano formato nel 2006 a Buggiano (Pistoia) composto da E-King (voce, pianoforte, sintetizzatore), Majic-o (chitarra), littleladle (basso) e HolyHargot (batteria), sono energia pura e con il loro brano Like an Animal (BMG)  – grazie alla vittoria alla seconda edizione nel contest Una voce per San Marinohanno rappresentato il paese del Titano all’Eurovision Song Contest 2023. Tra i loro successi: opening act per gli Who, Tom Morello e gli Interpol, concerti su Virgin Radio, Radio Deejay, SiriusXM, MTV e BBC Radio ed esibizioni in alcuni dei migliori showcase festival come Eurosonic 2023, Linecheck, Canadian Music Week, SXSW e Mondo NYC. Nell’ultimo anno si sono esibiti al Summerfest “World’s Largest Festival” di Milwaukee come primo gruppo italiano in assoluto, oltre che al Firenze Rocks, al Lechlade Festival nel Regno Unito e al Living Rock in Romania. La loro storia è stata pubblicata su Rolling Stone, Billboard Italia e Vanity Fair. Il loro ultimo album Synchronizer (INRI, 2021) è stato prodotto da Julian Emery (Nothing But Thieves), Brett Shaw (Florence + The Machine) e Dan Weller (Enter Shikari). Per la festa di lancio del disco la band ha fatto qualcosa di mai visto prima, lanciandosi con il paracadute da un’altitudine di 4300 metri e suonando l’intera tracklist dal vivo sulla pista di atterraggio.

 

More from Discover Pistoia

Scatti d’altri tempi

Nel piccolissimo borgo Le Pozze, proprio sotto alla pieve di Valdibure, vengo...
Read More