Ultime notizie:

A Pistoia Giornata Internazionale dei Musei

Venerdì 17 maggio, alle 17 a Palazzo Fabroni la...

Ultime notizie:

A Pistoia Giornata Internazionale dei Musei

Venerdì 17 maggio, alle 17 a Palazzo Fabroni la...

Tornano gli “Open Days” di GEA

Dal 10 al 12 maggio tornano gli “Open Days”...

Lorenzo Cipriani presenta il suo nuovo libro Mare Nostrum

Giovedì 16 maggio 2024 alle 17.00 nella sala Terzani...

Il cuore dell’economia pistoiese del Novecento: la San Giorgio

La magia di una fabbrica che non c’è più nel cuore di Pistoia ed un’area adesso completamente mutata.

Una fabbrica che non c’è più ma che ha dato tanto alla città di Pistoia. Una storia che si è intrecciata con lo sviluppo economico, urbano ed architettonico della città. Quello che vediamo in questa foto è il panorama che si stagliava in quello che oggi è praticamente centro città, e che a quei tempi era periferia: la Fabbrica San Giorgio. Siamo negli anni ’10 del 1900 e la città si sta trasformando per iniziare a prendere una versione moderna.

E per essere più all’avanguardia ci vogliono anche le industrie, le grandi industrie. Come era la San Giorgio. L’edificio in primo piano, al centro dell’immagine, è abbastanza facile da riconoscere: si tratta della Cattedrale, il luogo dove i treni e le opere dell’epoca venivano testate all’interno della grande fabbrica. Un elemento simbolo dell’epoca, oggi riportato alla luce come centro espositivo dopo essere caduto in malora fino ai primi anni Novanta.

Intorno è tutto molto diverso: sul lato destro della foto, in alto, si vede un piccolo tratto di via Ciliegiole, mentre viale Pacinotti (da dove si entrava in fabbrica) non rientra nell’immagine perché rimane di poco più in basso. E così si possono vedere tutte le zone di collaudo, una massiccia presenza di vagoni merci dove attualmente c’è il parcheggio Pertini.

Una piccola città all’interno della città. Un qualcosa che oggi non c’è più e del quale c’è profonda iniziativa. Perché il vero grande sviluppo di Pistoia è partito proprio da lì.

pistoia com era

Pistoia Com’era è un gruppo nato su Facebook per far conoscere, anche ai più giovani, soprattutto attraverso le fotografie le meraviglie della nostra città e come Pistoia è cambiata da fine Ottocento ad oggi. Ogni giorno sempre spunti nuovi mettendo in evidenza una Pistoia che non esiste più: non una operazione-nostalgia, ma semplicemente valorizzare quello che Pistoia è stata. E’ così che è nata la collaborazione fra il gruppo e Discover Pistoia. 

 

 

Sponsored by:

spot_img

Eventi

maggio, 2024

Discover Shop

spot_img

Don't miss

Tornano gli “Open Days” di GEA

Dal 10 al 12 maggio tornano gli “Open Days”...

Rose e bonsai per la Festa della Mamma

Appuntamento al mercato di Campagna Amica sabato 11...

Lorenzo Cipriani presenta il suo nuovo libro Mare Nostrum

Giovedì 16 maggio 2024 alle 17.00 nella sala Terzani...

Scopri l’arte di Canova con NATURART

Sabato 18 maggio alle ore 16.30 presso l’ex Cavallerizza...
Discover Pistoia
Discover Pistoia
Sfoglia Discover Pistoia, Urban Magazine mensile gratuito a cura della Redazione di Naturart e pubblicato da Giorgio Tesi Editrice, disponibile nelle edicole del territorio il primo sabato del mese in abbinamento gratuito al quotidiano LA NAZIONE, online e in numerosi punti di distribuzione.
spot_imgspot_img

Potrebbero interessarti anche

Pistoia Blues Festival 2024

Si terrà tra il 4 ed il 13 luglio 2024 la 43esima edizione del Pistoia Blues Festival prevista tra Piazza Duomo, la Fortezza Santa...

A Pistoia Giornata Internazionale dei Musei

Venerdì 17 maggio, alle 17 a Palazzo Fabroni la conferenza di Marco Fagiani, dal titolo “Soddoma da Verzelli pittore”; sabato 18 maggio, i Musei...

Tornano gli “Open Days” di GEA

Dal 10 al 12 maggio tornano gli “Open Days” di GEA al parco di Via Ciliegiole 99 a Pistoia, con visite guidate, laboratori per...