San Giorgio e il Drago

Un artista sensibile, colto, oggetto di fama, ma rimasto in un cono d’ombra dopo la scomparsa precoce, ben poco conosciuto nella complessità del suo profilo umano e professionale. E questo proprio a Pistoia, dove è pressoché ignoto malgrado i monumenti ai caduti di Valdibrana (1924), e di Casalguidi (1927), quest’ultimo fuso per esigenze belliche nel 1942.

Nato nel 1888 a Posola di Sambuca, nel 1915, già scultore per l’anagrafe, scende a Pistoia. Qui tornerà nel 1919, dopo gli anni di guerra passati a Cornigliano Ligure, per sposarsi con Giulia Nocchi. Con lei, salvo una parentesi fiorentina, abiterà al n. 5 di via Bracciolini, lavorando per tutti gli anni Venti: arte sacra, celebrativa e monumenti importanti, anche a Foiano della Chiana e Sampierdarena, lodato dalla stampa locale che lo cita come sig. Gemignani prof. Guglielmo.

Ha seri problemi di salute e il 10 novembre 1930, “col diretto del mattino” lascia Pistoia per raggiungere Genova, dove la moglie l’ha preceduto e lavora da infermiera, e lì morire il 22 dicembre, dopo una vita e una carriera artistica brevi, segnate da eventi avversi e continui spostamenti, alla ricerca di committenze e del successo che sentiva di meritare.

Risale al 1927 un bassorilievo in bronzo a tema San Giorgio e il Drago, dedicato alle Officine San Giorgio di Pistoia, tanto notevo le per tecnica e valore artistico quanto incerto come motivazione celebrativa.

La lastra è piccola (37 x 33 cm.) e realizzata con la fusione a terra – che permette anche serie di pochi esemplari – e il risultato è di pregio, per lo spessore del metallo che non supera i 3 millimetri e il sapiente stiacciato rinascimentale. Gremita di figure, ha una fascia inferiore dedicata alla “SAN GIORGIO SOC. ANONIMA INDUSTRIALE – OFFICINE DI PISTOIA” sormontata dalla scritta “Ibunt in splendore fulgurantis hastae tuae” cioè “Si metteranno in cammino nello splendore della tua lancia sfolgorante”, citazione biblica del profeta Habacuc, ed è firmata “G. Gemignani Pistoia 1927”.

In realtà dietro le figure del cavaliere e del pestifero mostro che divorava i giovani, c’è tutt’altro. Ad essere riproposte sono le idee trionfali del Ballo Excelsior (1881), il progresso tecnico e quello spirituale dell’umanità vittoriosi sull’Oscurità preindustriale nemica di pace e scienza, con un San Giorgio – d’obbligo come protettore di Genova, sede della casa madre delle Officine – protagonista di un sorprendente testimonial allegorico-aziendale. case, dove è facile individuare le tracce di porte o finestre chiuse nel tempo, oppure elementi lapidei di recupero, utilizzati a volte con libera interpretazione della loro funzione originaria.

Non senza qualche libertà. L’iconografia tradizionale esige oltre al Santo e al Drago una regale fanciulla da salvare. Ma lei non c’è. Il terribile scontro è già finito, il mostro, beccuto e spiriforme, è relegato in basso e il vincitore incoronato d’alloro punta la lancia al cielo e impenna il cavallo scortato da due figure femminili nude, volanti. Una terza gli cavalca a fianco e lo guida con la fiaccola. Un Genio della Luce vittoriosa, simbolo di Progresso e al Futuro, che tende la fiamma all’aereo e alla gru – in fondo le ciminiere fumano operose – e riverbera luce mistica su tre figure larvali in perizoma. Testimoni residuali d’un mondo arcaico – l’incudine è in contrappunto alla grande macchina incombente sul Drago – che si affacciano (attoniti) alla modernità… e alla conversione! Gemignani qui definisce bene, ma in ritardo storico, il valore massimo della sua arte, in equilibrio tra il passato – non solo il proprio – e l’esaltazione di un futuro fatto di macchine-divinità benefiche, lui stesso calato nelle spoglie di un iconico cavaliere medievale messo al centro di una Modernità invasiva, che sembra ghermirlo con la gru e col bimotore biplano, forse un Caproni 600 hp uscito dalla San Giorgio a fine guerra.

Una lastra ambiziosa, che usa un linguaggio naïf per risarcire la  cesura  tra  i mondi pre e post (seconda) rivoluzione industriale, forte già dall’età giolittiana (1903-1914) e accelerata dalla guerra, e ottimista, piena del fervore per la macchina dei Futuristi oltre che del suo entusiasmo sincero, magari legato proprio al 1927, con Pistoia ormai Provincia e la ferrovia Porrettana passata dal vapore all’elettricità. Un anno di Progresso, no?

testo Daniele Negri

foto Nicolò Begliomini

More from Discover Pistoia

Dal 14 Giugno ogni domenica torna il treno sulla Porrettana

A partire dal 14 giugno ogni domenica torna in servizio il treno...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *