Ultime notizie:

Nuove casine dei libri a Fabbiana e Spedaletto

Prosegue l’installazione di piccole casine di libri nelle frazioni...

Ultime notizie:

Nuove casine dei libri a Fabbiana e Spedaletto

Prosegue l’installazione di piccole casine di libri nelle frazioni...

Martedì 16 luglio la vestizione di San Iacopo

Il tradizionale corteo storico partirà intorno alle 18.45...

Una chiesa ritrovata. La vicenda della pieve dei Ss. Martino e Sisto di Medicina

Domenica 7 luglio, ore 21, in piazza San Martino...

Abetone patria di campioni

Dall’insuperato Zeno Colò a Celina Seghi e Vittorio Chierroni.

Scrivere oggi, nell’anno di grazia 2014, dei campioni di sci abetonesi, è come tuffarsi a ritroso negli ultimi cinquanta anni della nostra vita, e assaporare, con inevitabile malinconia, affetti, emozioni e sensazioni stupende, che il tempo non cancellerà  mai. Cominciamo dal più grande: Zeno Colò.  Nasce nel 1920 a “la  Consuma”,  borgo di poche anime a circa 1 km dal passo dell’Abetone, dove una volta, all’epoca della costruzione della strada, (1781), si sostituivano  i cavalli  per il trapelo delle rare vetture, “consumati” dalla fatica. Primogenito dei quattro figli di Alfredo e Teresa, e non ancora adolescente, viene istruito o meglio addestrato, nell’unico mestiere praticato nel borgo paterno: il boscaiolo, lavoro duro, reso ancora più bestiale all’epoca dagli attrezzi primordiali usati, che tempra un carattere brusco e taciturno, ma anche muscoli d’acciaio. Inizia a sciare di nascosto dal padre severissimo. Già alla fine degli anni ‘30 si afferma in maniera clamorosa e dirompente.

Poi la triste pausa bellica, il richiamo alle armi, “la pattuglia veloce” degli alpini, che da  Cervinia “scivola” a Zermatt, “l’internamento” a Murren  dove può continuare a sciare. Diviene, per gli elvetici, “blitz” l’uomo lampo.  Dopo, vince sulle nevi di tutto il mondo. Non c’è “classica” sia nazionale sia straniera che non porti il suo nome: Trofeo Cervino 3-Tre, il mitico Kandahar di St. Anton Wengen, Adelboden, Kitzbühel con l’altrettanto mitica  “Streif” la libera  per eccellenza e poi l’esplosione ad  Aspen, in  Colorado due volte medaglia d’oro ai mondiali in discesa e slalom e argento in gigante. Poi arriva l’Olimpiade 1952 a Oslo con la medaglia d’oro ancora in discesa, titolo mai più conquistato, fino ad oggi, da un atleta italiano. Nel frattempo, colleziona 28 medaglie ai Campionati Italiani e riuscirà a resistere, agonisticamente parlando, fino al 1954 quando la Fisi, la sua  Federazione, gli infligge una iniqua squalifica per “professionismo” perché aveva dato il suo nome ad una giacca a vento. Fa, tuttavia, in tempo ai mondiali di Aare in Norvegia ad “aprire” la pista di discesa con il miglior tempo, davanti all’austriaco Pravda, che sarà il nuovo campione del mondo. Sarà il “tedoforo” alle Olimpiadi di Cortina nel ’56. Una storia strabiliante che lo vide, anche, aggiudicarsi, nel 1959, il record  di velocità sul chilometro lanciato a  Cervinia, con materiali di serie, senza  casco e “bardature” di nessun tipo, ad oltre  160 Km all’ora. Vince ancora, per oltre quindici anni, i Campionati dei maestri di sci e mentre la Fisi lo riabilita, con colpevole quanto inutile ritardo, perde l’ultima gara, contro un inesorabile male il 12 maggio 1993.

Abetone

Celina Seghi

Dal 1937 – appena diciassettenne – al 1954 ha sciato e vinto con più femminile leggerezza e  con più atletica regolarità e potenza di qualsiasi altra sciatrice italiana ancora vivente.

Campionessa del mondo di slalom 1941, medaglia d’oro al valore atletico, atleta nella storia con 24 titoli italiani, medaglia di bronzo di slalom al campionato del mondo del 1954, “K” di diamanti (quattro vittorie al concorso internazionale Alberg Kandahar). Unica sciatrice al mondo che può fregiarsi di tale titolo.

Vittorio Chierroni

Rolly Marchi, importante giornalista italiano di sport invernali, dopo la scomparsa del campione, scrisse sulla Gazzetta dello Sport: «Era un audace, scardinava la neve. Aveva, impresso nel volto, un acuto senso della sua origine abetonese, vento e montagne, un viso antico carico di sapienza e di arguzia».

Campione del mondo di slalom 1941; 10 titoli di campione italiano (5 in libera, 2 slalom 3 combinata  alpina); 1948  vince libera e combinata dell’Alberg Kandahar; 1948 vince Trofeo Lauberhorn dominio in campo nazionale. Due estremi. 1934: vince la discesa libera internazionale del monte Canin (una delle libere più terrificanti dell’epoca); 1950 vince il gigante della “3-Tre” di Campiglio, altra prestigiosa manifestazione internazionale.

TESTO

Marcello Fontana

FOTO TRATTE DAL VOLUME

Zeno Colò

Pacini Editore

[vc_gallery type=”image_grid” images=”16533,16535,16537,16539″ title=”Abetone patria di campioni”]

Sponsored by:

spot_img

Eventi

luglio, 2024

Discover Shop

spot_img

Don't miss

Martedì 16 luglio la vestizione di San Iacopo

Il tradizionale corteo storico partirà intorno alle 18.45...

Una chiesa ritrovata. La vicenda della pieve dei Ss. Martino e Sisto di Medicina

Domenica 7 luglio, ore 21, in piazza San Martino...

Un viaggio nei luoghi del cuore di Tiziano Terzani

A vent’anni dalla morte, il Comune di Pistoia ricorda...

Lunedì primo luglio, la sfilata di apertura dei festeggiamenti jacopei

Lunedì primo luglio, la sfilata di apertura dei festeggiamenti...
Naturart
Naturart
Pubblicazione di punta della Giorgio Tesi Group è la rivista trimestrale gratuita NATURART, edita in italiano e inglese dal 2010 con l’intento di valorizzare in Italia e all’estero le eccellenze e i tesori custoditi da Pistoia e dalla sua provincia. Naturart è media partner riconosciuto per gli eventi speciali di numerose istituzioni locali impegnate nella promozione del senso di orgoglio e di appartenenza a questo territorio.
spot_imgspot_img

Potrebbero interessarti anche

PISTOIA GREEN BASKET TOWN

Lunedì 22 aprile si è celebrato il “World Earth Day”, ovvero la Giornata Mondiale di sensibilizzazione sui temi legati alla salvaguardia del pianeta. A.S....

ADVENTURE OUTDOOR FEST

L’Adventure Outdoor Fest si è insediato nel 2021 sulla Montagna Toscana con la curiosità e il desiderio di conoscere e valorizzare un luogo ricco...

L’arte di Moneyless colora il playground

L’artista Teo Pirisi, in arte Moneyless, ha realizzato una splendida decorazione di riqualificazione sul terreno del campo da basket del giardino di via Palarciano...